Home / sport strill it archivio / Viola pallacanestro / Liomatic Viola, i giocatori: “Non possiamo piu’ andare avanti così”

Liomatic Viola, i giocatori: “Non possiamo piu’ andare avanti così”

basketpallone
 Di seguito la lettera inviata dai giocatori della Team Basket Viola

“Questa per noi è diventata una situazione insostenibile”.

Sono le parole degli atleti della Liomatic Viola Reggio Calabria che lasciano trasparire lo sconforto e l’amarezza del momento in cui si trovano.
La squadra nero arancio lamenta, infatti, la mancata corresponsione degli ultimi stipendi.
“Non possiamo più andare avanti così – affermano i giocatori – abbiamo visto rinascere la mitica squadra della Viola e siamo stati onorati di farne parte, abbiamo creduto in questo progetto e ce la stiamo mettendo tutta per far si che questo sogno diventi una realtà. Nostro malgrado, però, ci troviamo in una situazione che da vita ad un clima di tensione all’interno del team e questo non ci consente di mantenere quella serenità che è necessaria per poter dare il massimo in campo e durante gli allenamenti. Sono ormai parecchi mesi che non percepiamo stipendio e questo, naturalmente, crea in noi una grande inquietudine, così come avviene per qualsiasi altro lavoratore si trovi nella stessa situazione. Sappiamo che la Società ce la sta mettendo tutta per portare avanti il progetto ma sappiamo anche che l’impegno e la passione non possono bastare in questi casi. La volontà di coloro che hanno ridato vita alla Viola non può bastare per raggiungere l’obiettivo tanto agognato: tornare agli antichi fasti, quelli che hanno segnato la storia sportiva di Reggio Calabria e che hanno portato il lato positivo della città in giro per l’Italia. E’ necessario l’aiuto delle Istituzioni. Perché la squadra è di tutti, è un bene che fa parte del patrimonio della comunità. Appena arrivati in riva allo Stretto abbiamo percepito la gioia e la soddisfazione di molti tra autorità, uomini politici e semplici cittadini. Oggi però, archiviati i primi entusiasmi, ci hanno lasciati soli. Dopo aver promesso l’aiuto che è necessario a chi intraprende un cammino così tortuoso (soprattutto nel meridione d’Italia, dove il substrato imprenditoriale non è così strutturato da riuscire a sostenere un’impresa tanto importante) le Istituzioni sono sparite. Noi, oggi chiediamo proprio a loro, alle Istituzioni, di dimostrare quanto tengono ad un bene prezioso com’è la società NeroArancio. Chiediamo loro di sostenere questo importante progetto perché a Reggio Calabria possa essere restituita quella preziosa realtà che nel silenzio generale è sparita tre anni fa. Il primo passo è già stato fatto ma serve l’aiuto di tutti”.

I giocatori della Team Basket Viola