Home / sport strill it archivio / Serie B sport / Calcio: Atzori gela il Crotone, la Reggina valuta

Calcio: Atzori gela il Crotone, la Reggina valuta

di Pasquale De Marte – Mai come in questa stagione il mercato degli allenatori è stato al centro dell’attenzione. Tante sono state, infatti, le panchine che hanno cambiato proprietario o quelle rimaste vacanti fino al momento.

Due di queste sono quelle di Crotone e Reggina e che potrebbero essere in un certo senso legate a doppio filo nello sviluppo dei fatti che porteranno all’ingaggio dei nuovi allenatori di entrambe.

Gianluca Atzori ha incontrato la dirigenza pitagorica nelle ultime ore, ma non è stato ancora trovato un accordo e il tecnico laziale si è preso del tempo per riflettere sulla proposta dei rossoblu, l’impressione è che, per il momento, si tratti di un matrimonio difficile.

Le motivazioni vanno ricercate non solo in aspetti puramente economici, anche se difficilmente il Crotone potrebbe garantirgli uno stipendio pari o vicino a quello che lo stesso Atzori continua a percepire dal Catania con cui è sotto contratto, ma è facile credere che per Atzori ci siano all’orizzonte prospettive più allettanti.

Come evidenziato nei giorni scorsi, una delle società interessate al tecnico è proprio la Reggina, in cui ha militato da calciatore. Tra le squadre che si sono fatte avanti , dopo che il Cesena pare essersi definitivamente orientato su Ficcadenti, gli amaranto godono sicuramente di maggiore stima agli occhi di Atzori.

Foti, però, si sta guardando attorno e non ha ancora sciolto le riserve. Il presidente vuole scegliere il nome del nuovo tecnico concedendosi il minor margine di errore possibile ed ecco che potrebbe tornare d’attualità un nome che sembrava definitivamente tramontato vista l’agguerrita concorrenza, quello di Franco Lerda, proprio lui che a Crotone ha stupito.

Il rapporto tra Foti e Lerda è più che buono, i due si conoscono da tempo e questo potrebbe fare la differenza nell’eventualità che la trattativa diventi concreta. Tra la Reggina e Lerda, sebbene non sembrino esserci più squadre di serie A (c’è l’esordiente Corini per il Chievo?), l’ostacolo numero uno dovrebbe essere il Torino che, in caso di mancata promozione, potrebbe dare il benservito a Colantuono (destinazione Atalanta?) ed affidarsi al tecnico piemontese, che i colori granata li ha nel cuore.

In tal senso potrebbe essere indicativo il risultato della semifinale dei playoff, soprattutto in caso di eliminazione della squadra del presidente Cairo. L’Atalanta stessa ha fatto un sondaggio per Lerda, ma prima che quest’ultima diventi una seria concorrente nella corsa al tecnico occorrerà che in casa orobica ci sia una stabilizzazione del nuovo assetto societario dopo il cambio di proprietà che ha riportato alla presidenza Percassi.

La Reggina, tuttavia, non ha abbandonato le altre piste, come ad esempio quella di Calori, e proverà a mantenerle calde. Nelle prossime ore potrebbe addirittura farsi strada un’ipotesi fino ad ora messa in secondo piano rispetto ad altre e riguarda l’ex allenatore dell’Empoli Campilongo, vecchio pallino di Foti sin dai tempi della Cavese.

Già all’inizio della prossima settimana, però, le cose dovrebbero essere più chiare.