Home / sport strill it archivio / Serie B sport / Reggina, Calori o Lerda? Burzigotti, Acerbi e Samb i primi nomi

Reggina, Calori o Lerda? Burzigotti, Acerbi e Samb i primi nomi

di Antonio Modafferi – Dopo la fine dell’ultimo tribolato e deludentissimo campionato, salutato, alla fine della gara contro l’Albinoleffe che ha sancito la salvezza matematica all’ultima giornata, dai fragorosi fischi dei pochi intimi accorsi al “Granillo”, la Reggina si tuffa immediatamente nel calciomercato.
Al momento solo tantissime voci e nessuna certezza intorno ad una squadra che ha l’assoluta priorità di ricucire il rapporto con la tifoseria e il mercato potrebbe essere un buon viatico.

 

Il primo nodo da sciogliere per il presidente Foti, che continuerà ad essere saldamente al timone della società amaranto, è la questione allenatore. L’allenatore dell’ultima salvezza Roberto Breda, pur avendo ancora un altro anno di contratto, non sarà confermato. Tanti i nomi dei candidati ad occupare la panchina della Reggina edizione 2010/2011. I favoriti appaiono Alessandro Calori, ex Triestina e Avellino e artefice del miracolo Portogruaro, ma sull’ex difensore di Udinese e Brescia pare forte l’interesse del Chievo Verona, alla ricerca del sostituto di Mimmo Di Carlo, approdato alla Sampdoria, e Franco Lerda, il quale lunedì scorso ha ufficializzato il proprio addio al Crotone, compagine con cui ha sfiorato i play off, ma sull’allenatore piemontese sono tanti i fari puntati.

Nelle ultime ore, invece, sembra aver perso credito la soluzione Gianluca Atzori, l’anno scorso alla guida del Catania fino a dicembre dopo essersi distinto in Prima divisione con il Ravenna, in quanto sull’ex calciatore amaranto pare esserci proprio il Crotone. Altri nomi riguardano quelli degli ex Reggina Cevoli e Toscano e di Gregucci, ma non sembrano loro gli uomini giusti per ripartire. Così come la sensazione è che non sarà Gianni Rosati, giunto a ottobre con mister Iaconi, il direttore sportivo a cui si affiderà Foti l’anno prossimo, anche se tra i due non c’è stato ancora alcun incontro, inoltre si vocifera del possibile affidamento di un incarico importante a Biason, consulente della Reggina per il Nord-Est.

Questione squadra. La certezza è una sola: stando a quanto dichiara il numero uno amaranto, sono addirittura più di 45 i giocatori contrattualizzati per la prossima stagione. Occorrerà,quindi, una netta sfoltita prima di costruire un organico all’altezza della Reggina e dei suoi tifosi. Molte saranno le partenze, particolarmente interessati tutti quei calciatori che quest’anno hanno deluso, mentre capitan Lanzaro non dovrebbe veder rinnovato il proprio contratto in scadenza a giugno.

Oltre ai ritorni dai prestiti (citiamo soltanto Stuani, reduce da un buon campionato nella seconda divisione spagnola con l’Albacete, Ceravolo, Puggioni e Joelson), le comproprietà da risolvere entro la metà del mese (le più importanti Pagano con il Rimini, Cosenza con l’Ancona e soprattutto Pettinari, uno dei migliori esterni del campionato, con il Cittadella) e le solite voci di clamorosi ritorni (sempre di moda quella che vuole Nicola Amoruso nuovamente in riva allo Stretto), i primi nomi riguardano quelli di tre giovani che hanno disputato l’ultimo campionato in Lega Pro.

Si tratta dei difensori Lorenzo Burzigotti, 23 anni, 32 presenze e 3 reti nel Foggia (Prima divisione, girone B) e Francesco Acerbi (nella foto a sinistra), classe 1988, messosi in luce nel Pavia (Seconda divisione, girone A), con cui è sceso in campo 24 volte segnando anche un goal, ma per quest’ultimo c’è da battere la concorrenza di Atalanta, Albinoleffe e Torino. In attacco, infine, la Reggina è interessata al ventiduenne senegalese Amadou Samb, 28 presenze e 10 reti con la maglia del Monza (Prima divisione, girone A).