Home / sport strill it archivio / Serie B sport / Reggina-Ascoli, le pagelle di Strill.it

Reggina-Ascoli, le pagelle di Strill.it

MARINO VOTO 6,5 – Salva la porta con una buona parata nel primo tempo, dimostra sicurezza nel corso della partita.

ADEJO VOTO 5,5 – Non è il “muro” delle ultime gare e si concede qualche amnesia.

VALDEZ VOTO 5 – Buona prestazione fino al momento dell’episodio da cui scaturisce la sua espulsione ed il rigore in favore dell’Ascoli.

LANZARO VOTO 5,5 – Regge l’urto nel primo tempo, nella ripresa viene schierato centrale per sostituire l’espulso Valdez e paga la mancanza di abitudine a comandare la difesa.

VIGIANI VOTO 6 – Spinge soprattutto nel primo tempo, non è sempre preciso nei suggerimenti.

CARMONA VOTO 6, ma si limita a quello.

TEDESCO VOTO 6,5 – Detta i ritmi e disegna geometrie per i compagni. Strappargli la palla è sempre complicato per gli avversari.

MISSIROLI VOTO 6,5 – Risulta imprendibile per gli avversari, assieme a Brienza è spesso l’uomo in più per la Reggina.

RIZZATO VOTO 6 – La sua spinta non manca, ma manca la qualità nei suggerimenti per i compagni. Nel finale è sfortunato nel cogliere un incrocio dei pali che sarebbe valso il pareggio finale.

PAGANO VOTO 5,5 – Continua a giocare da centravanti, lo fa con generosità ma i risultati non sono sempre positivi. Per il momento è la soluzione migliore in un organico in cui le prime punte hanno deluso.

BRIENZA VOTO 7 – Le sue giocate sono belle ed efficaci, palla al piede si rende protagonista di dribbling ubriacanti. Segna un grandissimo gol e va vicino ad un altro che sarebbe stato ancor più incredibile per la capacità di liberarsi al tiro dopo aver superato avversari su avversari.

COSTA VOTO 5,5 – Subentrato a gara in corso, viene coinvolto dalla giornata non positiva dell’intero pacchetto difensivo.

BARILLA’ S.V.

BONAZZOLI S.V.

BREDA VOTO 5.5 – Nei primi minuti di gioco la Reggina schiaccia l’avversario, ma si espone alle ripartenze dell’Ascoli. Lui ridisegna la squadra con uno schieramento più abbottonato ed una difesa a cinque, nel finale però la gara poteva essere gestita meglio. Perde in confronto diretto con il più esperto Pillon le cui mosse si rivelano decisive nella ripresa.