Home / sport strill it archivio / Serie B sport / Brienza regala la terza vittoria esterna consecutiva alla Reggina, battuto il Sassuolo

Brienza regala la terza vittoria esterna consecutiva alla Reggina, battuto il Sassuolo


di Pasquale De Marte
– La Reggina mette a segno il terzo colpo esterno consecutivo e viola il terreno di gioco del Sassuolo

vicecapolista, dopo aver già espugnato Ancona e Salerno nelle ultime uscite lontano dal Granillo.

E’ un gol da tre punti quello messo a segno da Franco Brienza a una manciata di secondi dal novantesimo,  una realizazzione pesantissima nell’economia del campionato degli amaranto che con la vittoria del “Braglia” riescono a mettersi sei squadre dietro in classifica e a vedere un pò più vicina la salvezza.

TURN OVER – Gli impegni ravvicinati inducono Breda a tenere fuori inizialmente Brienza , tra i titolari c’è un insolito centravanti come Pagano e, a sorpresa, Cascione. Tedesco si sposta sul centrosinistra di centrocampo, l’ex mediano del Rimini si posiziona davanti alla difesa, Missiroli gioca quasi da seconda punta e Barillà viene preferito a Vigiani nel ruolo di esterno destro del 3-5-2 degli amaranto. Pioli lascia Masucci in panchina e nel tridente del suo 4-3-3 inserisce Gorzegno, esterno che nasce terzino, schierato come attaccante esterno.

GIORNATA NO PER IL CAPITANO – L’unica vera occasione da rete del primo tempo è sui piedi di Maurizio Lanzaro che, al minuto numero diciassette, manca l’impatto col pallone sugli sviluppi di un corner, dopo essersi liberato al tiro a pochi metri dalla porta.   In campo va in scena  una brutta prima frazione in cui l’altro fatto saliente è rappresentato dall’infortunio per il  difensore amaranto che, dopo un contrasto, appoggia male il piede a terra ed è costretto a lasciare il posto a Costa per una distorsione alla caviglia.

MURO REGGINA – La Reggina messa in campo da Breda è un fenomeno di solidità e compattezza, il Sassuolo non trova spazi e soprattutto rimane lontano dal mettere la gara sui binari su cui gli emiliani viaggiano meglio: i ritmi alti e il gioco palla a terra.

I neroverdi sono lunghi, il centrocampo di Pioli è spesso schiacciato verso l’attacco e tra il settore nevralgico e la retroguardia si aprono spazi che gli amaranto, colpevolmente, non sfruttano, complice anche un sistema di gioco prettamente difensivo e un Pagano poco ispirato.

OCCASIONISSIME IN APERTURA DI SECONDO TEMPO – Il buongiorno della ripresa è da incubo per la Reggina: Fusani sfrutta una sponda in area e calcia clamorosamente a lato un  rigore in movimento.

Anche gli amaranto vanno vicini al gol: Rizzato, dalla sinistra, pesca Pagano in area che, dopo aver bruciato tutti col movimento, non impatta bene il pallone col mancino a pochi metri dalla porta.

BRIENZA MATCH WINNER – I due allenatori pescano dalle panchine e provano a spezzare l’equilibrio che regna in campo, dove il Sassuolo spinge ma è la Reggina che potrebbe fare davvero male in contropiede, specie se Missiroli avesse la lucidità dei momenti  migliori, ma sarebbe chiedergli troppo a soli tre giorni di distanza dalla partita precedente.

Il lampo che dà i tre punti alla Reggina arriva a due minuti dal termine: Tedesco lancia Pagano sulla destra in sospetta posizione di fuorigioco, l’ex riminese supera un avversario e serve l’accorrente Brienza al centro dell’area che, di prima, supera Bressan col piatto sinistro insaccando la sfera a fil di palo.

Gli assalti del Sassuolo nei minuti finali mettono a rischio le coronarie di tanti tifosi, ma fanno solo il solletico all’attentissima difesa amaranto.

 

REGGINA-SASSUOLO 1-0 – IL TABELLINO

SASSUOLO (4-3-3)Bressan; Consolini, Rossini, Minelli, Bianco (dal 21’ st Donazzan);  Salvettti, Magnanelli, Fusani; Martinetti (dal 19’ st Zampagna), Noselli, Gorzegno (dal 15’ st Masucci). All. Pioli

REGGINA (3-5-2):  Marino; Adejo, Valdez, Lanzaro (dal 32’ pt Costa ); Barillà (dal 36’ st Vigiani), Carmona, Tedesco, Cascione, Rizzato (dal 21’ st Brienza); Missiroli, Pagano. All.Breda

Arbitro: De Marco di Chiavari 
Marcatori: 43’ st Brienza  
Ammoniti: Carmona, Tedesco, Magnanelli, Costa, Masucci.  Recupero: 5 pt ; 5 st.