Home / sport strill it archivio / Serie B sport / Reggina-Empoli, le pagelle di Strill.it

Reggina-Empoli, le pagelle di Strill.it

MARINO VOTO 6 – Spiazzato dalla deviazione di Adejo in occasione del gol, nel resto della gara per lui c’è solo ordinaria amministrazione.

 

 ADEJO VOTO 6 – Sfortunato nella circostanza del gol empolese, offre una prestazione che vale la sufficienza.

VALDEZ VOTO 6 – Svolge egregiamente un compito non troppo impegnativo, visto che l’Empoli non gioca certo una gara all’attacco.

LANZARO VOTO 6 – Poche sbavature per lui, si guadagna il rigore del pareggio.

BARILLA’ VOTO 6 – Il voto è la media esatta tra un primo tempo da applausi (7) e una ripresa in vistoso calo (5).

CARMONA S.V. Per la Reggina perdere il cileno nel suo momento migliore sarebbe un peccato, gli accertamenti medici diranno se a fargli lasciare il campo è stata soltanto una forte contusione ed è quello che si augurano tutti.

TEDESCO VOTO 5,5 – Carmona recupera palla, Tedesco verticalizza. Era questo uno dei principali schemi della Reggina degli ultimi tempi, l’assenza del cileno sembra pesare soprattutto per il buon Giacomo che con Viola non forma certo una coppia  eterogenea. La sua partita è condita dalla solita generosità, ma non basta.

MISSIROLI VOTO 6 – Quando la Reggina alza il ritmo, lui è sempre presente.  Breda lo sposta da destra a sinistra, ma non incide come nelle ultime occasioni.

RIZZATO VOTO 5,5 – Nel primo tempo si rende protagonista di una grande chiusura su Marianini che calcia quasi a botta sicura in area, in fase offensiva non è continuo come nelle recenti uscite.

BRIENZA VOTO 6 – Il rigore trasformato salva una gara in cui è troppo discontinuo.

CACIA VOTO 5 – Impalpabile, probabilmente anche perchè servito poco e male. Mette in archivio l’ennesima prestazione negativa dell’anno. I fischi del Granillo al momento della sua sostituzione sono la colonna sonora della sua partita.

VIOLA VOTO 5,5 – Colpevolmente ignorato per gran parte della stagione, sebbene parte della stessa l’abbia trascorsa lontano dal calcio giocato per via di un infortunio, viene chiamato in causa a gara iniziata nella fase più delicata della stagione. Era inevitabile che avvertisse la pressione e la prova evidente deriva dal fatto che uno  con un sinistro di grande livello si trovi a sbagliare passaggi non da lui e a non inquadrare mai la porta, lui che nel tiro dalla lunga distanza ha uno dei suoi maggiori punti di forza. Resta un grande talento da tutelare.

 BONAZZOLI VOTO 5 – Sostituisce Cacia e non fa sicuramente meglio di lui.

VIGIANI S.V.

BREDA VOTO 5 – Giusto l’atteggiamento e lo schieramento iniziale, a non convincere è soprattutto la gestione dei cambi. Sostituire l’infortunato Carmona con un uomo con caratteristiche completamente diverse come Viola non è sembrata la scelta più azzeccata, quando la  logica poteva dettare  lo spostamento di Barillà, uomo di grande dinamismo, in mezzo e l’innesto di Vigiani sulla fascia destra. Lasciare fuori Pagano nel secondo tempo, uno che avrebbe potuto sfruttare la sua velocità e capacità di saltare l’uomo in una partita dal ritmo non eccelso, non è stata probabilmente la cosa più giusta da fare.

 

p.d.m.