Home / sport strill it archivio / Serie B sport / Calcio: il Crotone cede in casa all’Albinoleffe (0-3)

Calcio: il Crotone cede in casa all’Albinoleffe (0-3)

CROTONE – ALBINOLEFFE 0-3

CROTONE (4-2-3-1): Concetti; Galeoto (dal 27′ st Mendicino), Legati, Abruzzese, Morleo; De Martino (dal 1′ st Beati), Galardo; Gabionetta, Cutolo (dal 1′ st Ginestra), Degano; Bonvissuto. A disposizione: Farelli, Viviani, Grillo, Russotto. Allenatore: Lerda.

ALBINOLEFFE (3-4-2-1): Pelizzoli; Bergamelli (dal 1′ st Cristiano), Sala, Luoni; Perico, Bernardini, Previtali (dal 29′ st Garlini), Piccinni; Laner, Bombardini (dal 36′ st Cissè); Torri. A disposizione: Layeni, Cioffi, Foglio, Geroni. Allenatore: Mondonico.

MARCATORI: 7′ pt Torri, 24′ st Cristiano, 32′ Perico.

Arbitro: Candussio di Cervignano del Friuli.

Ammoniti: 20′ pt Piccini (AL), 3′ st Gabionetta (C), 10′ st Galardo (C).

Espulsi: 20′ st Torri (AL) per somma di ammonizioni.

Note: giornata abbastanza fredda, soffia la tramontana. Campo in buone condizioni. Corner: 6-0. Recuperi: 0′ e 0′.

Brutta sconfitta casalinga per il Crotone, che allo “Scida” cede per tre reti a zero all’Albinoleffe, formazione che si presentava a pari punti con i pitagorici prima della debacle odierna. Mister Lerda conferma gli stessi uomini capaci di sbancare Grosseto soltanto sette giorni fa. Solita difesa a 4, mentre De Martino gioca sin dal primo minuto al fianco di Galardo a centrocampo; sulla trequarti, a sostegno del confermatissimo Bonvissuto, unica punta, reduce dalla doppietta in Toscana, giostrano, da destra verso sinistra, Gabionetta, Cutolo e Degano.

Le cose si mettono subito male per i padroni di casa, che passano in svantaggio dopo soli sette minuti di gioco: Omar Torri sfrutta al massimo uno svarione della difesa pitagorica e sigla lo zero a uno. Ci mette un po’ il Crotone a riprendersi, e riesce ad affacciarsi pericolosamente dalle parti di Pelizzoli solo al 24’, quando Morleo su punizione serve Degano il cui colpo di testa è però debole e centrale. Niente altro a segnalare nella prima frazione, a parte una rete annullata allo stesso Degano per fuorigioco, che si conclude con i bergamaschi avanti di una rete.

Nel secondo tempo, i rossoblù cercano di imprimere un ritmo più elevato all’incontro, senza però risultati apprezzabili, anzi è proprio Torri che al 10’potrebbe raddoppiare, ma si fa ipnotizzare da Concetti. Aumenta la pressione il Crotone che cerca anche di sfruttare la superiorità numerica dovuta all’espulsione, per doppia ammonizione, del seriano Torri, ma al 24’ l’Albinoleffe segna il secondo goal, che porta la firma di Cristiano, abile ad approfittare di un rimpallo e a superare l’estremo difensore di casa con un bel diagonale. Non è proprio giornata per il Crotone, che non riesce a realizzare la rete che potrebbe riaprire la partita: Bonvissuto, al 27, supera due avversari, ma Pelizzoli blocca. Goal mancato, goal subito: questa legge non scritta del calcio si ripete puntualmente al 32’, quando gli ospiti triplicano con Perico, che di testa raccoglie un cross di Cristiano. L’ultimo sussulto è del Crotone, ma l’estremo difensore ospite nega la gioia del punto della bandiera a Degano.

Prestazione incolore del Crotone, che vede interrompersi la serie positiva che l’aveva visto battere fuori casa Cesena e Grosseto, e fermare in casa la capolista Lecce. Probabilmente uno stop salutare per la compagine di mister Lerda, utile a mantenere i piedi per terra; adesso occorrerà ritrovare l’umiltà e la voglia di prima per non perdere terreno nella corsa verso la salvezza.

Antonio Modafferi