Home / sport strill it archivio / Serie B sport / Reggina-Frosinone, le pagelle di Strill.it

Reggina-Frosinone, le pagelle di Strill.it

MARINO VOTO 6,5 – Bravo nelle uscite alte e basse, si fa trovare pronto nelle rare occasioni in cui viene chiamato in causa. Unica incertezza allo scadere del primo tempo, ma i crediti accumulati nel resto della gara sono sufficienti per giustificare un errore di valutazione non sfruttato dagli avversari.

LANZARO VOTO 6 – Lui e la difesa reggono bene l’urto di un Frosinone un pò spuntato.

 

ADEJO VOTO 6,5 – Schierato praticamente a uomo su Santoruvo, gli lascia solo qualche briciola.

VALDEZ VOTO 6 – Rischia di macchiare la sua gara e compromettere il risultato con qualche incertezza nel finale.

VIGIANI VOTO 6,5 – Sempre presente in chiusura, quando può spinge, si inserisce e salta l’uomo. Fa quasi tutto.

CARMONA VOTO 6 – Ottimo in fase di pressing, pecca di imprecisione quando si tratta di dettare un passaggio importante.

TEDESCO VOTO 6 – L’unico neo della sua prestazione è rappresentato dal giallo rimediato nel finale che gli costerà la squaliica.

MISSIROLI VOTO 6,5 – Inesauribile. Il pallone che serve a Cacia nel primo tempo è da applausi, nel finale diventa quasi centravanti e, sebbene in qualche circostanza paghi dazio in fatto di lucidità, si dimostra una spina nel fianco della difesa del Frosinone.

RIZZATO VOTO 6 – Prova di grande sacrificio per lui, con poche sbavature e qualche sortita offensiva.

BRIENZA VOTO 7 – Il suo gol vale tre punti. E’ in grande forma e spesso lo si trova anche a lottare a centrocampo, la Reggina non può che beneficiare di un Brienza così.

CACIA VOTO 5,5 – Sempre presente in zona gol, non riesce a trovare la via della realizzazione. Corre tantissimo, nella ripresa la fatica si fa sentire, Breda se ne accorge e lo sostituisce.

BARILLA’ VOTO 6 – Entra ed offre il suo prezioso contributo.

COSTA S.V.

CASCIONE S.V.

BREDA VOTO 6,5 – La sua Reggina vista quest’oggi è un fenomeno di equilibrio. Prepara la gara nei minimi dettagli, e anche la gestione dei cambi, poco condivisibile in prima impressione, viene avvalorata dall’evidenza dei fatti che gli dà ragione.

p.d.m.