Home / sport strill it archivio / Serie B sport / Gallipoli-Reggina, le pagelle di Strill

Gallipoli-Reggina, le pagelle di Strill

 Marino voto 6 – In ogni cosa bisogna capire  se “il gioco vale la candela”.  I suoi due metri lo agevolano in alcuni interventi che per i suoi colleghi più bassi sarebbero particolarmente difficili come ad esempio le uscite alte, lo mettono in difficoltà quando il pallone schizza veloce rasoterra come nel caso del secondo gol del Gallipoli.  Dargli colpe sarebbe ingeneroso e probabilmente sbagliato.

Lanzaro voto 5 –  Più volte messo in difficoltà da Di Carmine nel secondo tempo, gioca la sua peggiore partita  da quando indossa la fascia di capitano.

Cascione voto 6  – L’unico a salvarsi del pacchetto arretrato, lui che difensore non è.

Capelli voto 5,5  – Qualche sbavatura rovina un’altra gara in cui è adattato a sinistra. Potrebbe essere stata questa la sua ultima gara in amaranto.  

Adejo voto  4,5  – Un primo tempo impeccabile, almeno in fase difensiva,  poi una ripresa disastrosa. I due gol arrivano dal suo lato.

Carmona voto  5,5 – Come tutta la squadra si spegne nel secondo tempo, dopo una buona prima frazione.

Morosini voto 5,5 – Giudizio analogo a quello di Carmona.

Rizzato voto 5 – Prestazione che rispecchia i suoi standard di inizio stagione. Non ne indovina una né in difesa, né in attacco.

Pagano voto  6 – Ennesimo assist di questa sua grande stagione a livello personale, nel secondo tempo l’arbitro gli nega forse un rigore. Dà l’impressione di essere l’unico in grado di accelerare col pallone al piede. Scompare nella ripresa.

Missiroli voto  6 – Bene nel primo tempo, male nel secondo,  ma  è un po’ tutta la squadra a non girare nella ripresa, tanto che spesso lo si vede a ripiegare in fase difensiva o ad arretrare sulla linea dei centrocampisti  per cercare palloni giocabili.

Bonazzoli voto 6,5 –  E’ il punto di riferimento a cui molto spesso la squadra si affida, soprattutto adesso che la sua forma è davvero su buoni livelli.  Secondo gol nelle ultime tre partite giocate, se inizia anche a segnare  con continuità c’è davvero poco altro da chiedergli.

Cacia voto 4,5  – Ci sono vari aspetti per cui un attaccante può rendersi utile alla squadra:  ci sono quelli che sanno tenere il pallone, quelli che fanno salire la squadra, quelli che saltano l’uomo, quelli che la mettono dentro sempre e comunque.  In attesa di capire a quali di queste categorie intende iscriversi,  per adesso mette in archivio l’ennesima prestazione anonima e un gol sbagliato a tempo scaduto, si perché lui, uomo di categoria superiore, dovrebbe fare la differenza sfruttando certe occasioni che possono valere punti importanti in classifica.   Il valore assoluto del giocatore non si discute, le prestazioni si e per il momento sono tutt’altro che esaltanti.

Barillà s.v.

N.Viola s.v.

Iaconi voto 4,5 – La Reggina ha la partita in mano, è questo il dato di fatto del primo tempo.   Nel secondo tempo il Gallipoli dà subito l’impressione di  essere in grado di mettere in difficoltà la Reggina, lui non riesce a trovare le giuste contromisure, e vista la differenza tra i due organici si sarebbero tutte le possibilità di farllo,  prima che la frittata sia fatta.  Le sostituzioni sono tardive e gran parte delle responsabilità di questa sconfitta sono sue.

 

 

p.d.m.