Home / sport strill it archivio / Serie B sport / Torino-Reggina, le pagelle di Strill.it

Torino-Reggina, le pagelle di Strill.it

Cassano voto 6,5 – Un buon intervento in presa bassa nel primo tempo, una grande parata su Loviso nella ripresa.  Almeno lui pare migliorare il rendimento di partita in partita.

Lanzaro voto 5,5  – Pessimo quando si tratta di impostare, morde le caviglie degli avversari in fase difensiva con discreti risultati.

Capelli voto 6 – Tiene la posizione, poche volte viene chiamato in causa.

Santos voto 5  – Perde Bianchi in occasione del secondo gol, spesso è inutilmente falloso.

Costa voto  5.5 – Una sortita offensiva nel primo tempo e qualche incertezza difensiva, poi si infortuna dimostrando di avere molto più potenziale da mettere al servizio della squadra rispetto a Rizzato, ma senza mettere insieme una prova  sufficiente.

Buscè voto 5 – Parte da esterno destro alto, ma combina poco, rendendosi protagonista di qualche amnesia quando attaccano gli avversari.

Volpi voto 6 – Qualcuno l’aveva considerato il “capro espiatorio” di una Reggina deludente di inizio stagione. Lui ha incassato le critiche e le esclusioni con grande professonialità, lavorando a testa bassa e aumentando sensibilmente il suo rendimento. Farebbe sicuramente una figura migliore se la squadra attorno a lui girasse meglio.        

Carmona voto 5 –  Bisognerebbe spiegargli che ogni tanto si può anche andare in verticale.

Barillà voto 5 –  Non brilla, tanto per usare un eufemismo. Restare in campo e offrire prestazioni di quel tipo  è deleterio soprattutto per lui.

Brienza voto 6 – E’ l’unico che può accendere la luce in una Reggina che sembra avere poco da dire.  Stasera è uno dei pochi a salvarsi.

Cacia voto 5 –  Sembra di aver a che fare con un ectoplasma che è solo lontano parente del giocatore che incantò Corvino.

Rizzato voto 5 – Se non mette da parte la timidezza, difficilmente può fare al caso della Reggina.

Bonazzoli s.v.

Pagano s.v.

Novellino voto 5 – I numeri condannano il suo lavoro.  Questa sera mischia le carte, indovinando qualche mossa, sbagliandone qualcun’altra.  Se non riuscirà a trovare il bandolo della matassa sarà dura continuare il sodalizio con la Reggina. 

p.d.m.