Home / sport strill it archivio / B dil basket / Palacalafiore: che tristezza!

Palacalafiore: che tristezza!

L’impianto elettrico del maxi-impianto reggino va k.o.
servono rimedi L’avevamo predetto? Cosa molto probabile!
Come prevedere un omicidio in un giallo di Agatha Christie
direbbe qualcuno. Il PalaCalafiore è out.
L’impianto elettrico della maxi struttura reggina “non è
partito” provocando un grande danno all’immagine del nostro
basket e della nostra città. “Leggende metropolitane”
parlano addirittura di fumo fuoriuscito dalle centraline di
comando del Pentimele. Nel frattempo Lottomatica Roma,
Carife Ferrara, Pepsi Caserta ed Air Avellino, le vedremo
più in riva allo stretto? Le quattro compagini della serie
A
del nostro basket, giunte con tanta voglia per onorare il
“Trofeo Iliano e Mario Sant’Ambrogio” si sono ritrovate a
cambiare impianto sportivo a poco più di mezz’ora
dall’inizio delle gare per un forfait davvero pesante.
Rammaricata l’organizzazione del Trofeo che, per fortuna,
con grande spirito di sacrificio e di far bene ha risolto il
problema ricevendo la totale assistenza del Centro Viola di
Modena e del network nero-arancio che sarà si nell’occhio
di
una vicenda intricata e con dei contorni misti tra un
intrigo politico, sportivo e quant’altro legate proprio ad
un impianto di proprietà della Provincia, ma sta di fatto
che ha saputo mantenere intatta, o quasi, una struttura
utile per ogni occasione cestistica che vincerebbe qualsiasi
paragone con un altro impianto comunale a scelta. Servono
dei lavori straordinari al PalaCalafiore, servono
nell’immediato per evitare altre figuracce che stanno
distruggendo, non solo in città, l’immagine di Reggio
Calabria. Servono per evitare danni a cose e persone.
Aspettiamo una soluzione altrimenti, i prossimi mondiali da
organizzare potrebbero diventare, inaspettatamente e
scherzosamente(accettate con il sorriso sulle labra questa
battuta vi prego..), gli Internazionali di Pallanuoto al
buio.

Giovanni Mafrici
Reggioacanestro.it