Home / sport strill it archivio / Altro Calcio / Eccellenza, Gallico Catona tris al fanalino di coda Rossano

Eccellenza, Gallico Catona tris al fanalino di coda Rossano

Gallico- Catona 3   –    Rossanese 0                                                            
Marcatori: al 26 Cormaci, al 57 Gatto (rig.), al 69 Zappia

Gallico- Catona : Barillà O. 6,5, Calarco 7, La Cava 7, Barillà D. 8, Marcianò 7, Barca 7, Giunta 7(all’85
Martino), Gatto 7 (al 74 Libri),, Zappia 7,5, Cormaci 8 (all’89 Panuccio), Penna. All. Franceschini
Rossanese: Straface 8 ( al Brunetti s.v.), Carelli 5, Palopoli 5 (al Greco 5), Sisca 5, Rizzo D.5, Casacchia 5,
Toscano 5, Campara 5, Blaconà 5, De Santis 5, Federico 5 (all’ 82 Attadia s.v.) All. Russo
Arbitro- Gatto di Lamezia 6  ( Naccari e Laria di Vibo)
Gallico-
Natale Gatto e Nello Violante si godono la propria “ creatura”. Il neo nato comprensorio Gallico- Catona ha
già “virtualmente” ottenuto il suo obiettivo ( salvezza tranquilla e valorizzazione dei giovani) , nove gare
all’epilogo affascina e conturba anche la possibile  meta dei play off.
Ma ritorniamo ai “terribili due” che hanno scritto ( e ancora ne scriveranno) pagine importante per il calcio
dilettantistico reggino e soprattutto per Gallico e Catona. E senza grandi risorse economiche.
Scelte azzeccate , decisioni tempestive, la “ conurbazione”  per un futuro prossimo da interpretare e
sottoscrivere. La “ bomboniera” del  Lo Presti e il settore giovanile i punti strategici su cui puntare.
La società parla di anno di “ transizione” , le “casse sociali” sono esigue, si cercano  nuovi possibili soci per
un traguardo addirittura impensabile sino a qualche anno fa. Ma avanti adagio, la serie D chissà un giorno…
Operazione di marketing con l’arrivo di Ivan Franceschini, panchina “griffata”, brucia l’amaro debutto
esterno di Castrovillari.
La gara interna in più e un calendario più docile fanno ben sperare per scalare posizioni in graduatoria più
confacenti alle reali potenzialità tecniche del complesso. Settimo posto a cinque punti dal quinto posto utile
per i play off. 30 punti : 8 vittorie, 6 pareggi, 7 sconfitte. 24 reti fatte, 22 subite.
Contro l’ultima della classe, l’ Audace Rossanese, Franceschini ha esaminato e “testato” diverse
combinazioni tattiche. Daniele Barillà è un “fuori quota” che ha ampi margini di miglioramento. Buona
corsa, maturità tattica, senso della posizione in campo.  
Domenico Giunta è scattante, ma deve essere più incisivo sotto porta, Andrea La Cava ormai è una
certezza. Spiace non aver potuto utilizzare l’infortunato Manuel Monorchio. Sul tre a zero spazio per i
baby Martino e Panuccio.
E’ pomeriggio di Marco Cormaci. Un autentico show : una traversa, si procura un rigore, almeno tre tiri con
Il portiere Straface in grande evidenza. Franceschini lo ha “rigenerato” e meglio disciplinato. Il
venticinquenne  tre quartista ha giocato nella primavera del Catania ed una breve parentesi ad Ibiza.
E calciatore sicuramente di categoria superiore insieme a Leo Gatto, Daniele Zappia e quel  baluardo di
centrale difensivo che è Peppe Calarco ( quest’oggi ha sfiorato pure la segnatura).
Ci sono voluti 26 minuti per scardinare il “bunker” ospite, dopo aver colpito una traversa e Straface in
grande evidenza che ne ha limitato il passivo.
Sono stati i tre “ tenori” a timbrare l’ottavo successo stagionale. Cormaci, rigore di Leo Gatto ( cannoniere
del complesso con otto centri) e un febbricitante Daniele Zappia con una galoppata da primatista di velocità
e tocco d’interno destro a beffare il portiere ospite in uscita.
Un finale in crescendo per un già tranquillo Gallico Catona che strizza l’occhio ai play off. Franceschini farà
la differenza ? A San Lucido domenica prossima non si può sbagliare.
L’Audace Rossanese ha recitato la sua parte con dignità, ha sfiorato la rete ma Blaconà si è fatto ipnotizzare
dal bravo Orazio Barillà.
Russo spera di agganciare la zona play out. Ci riuscirà?

Giuseppe Calabrò