Home / sport strill it archivio / Altro Calcio / Basket, l’Assitur Planet Catanzaro rimedia un’inaspettata sconfitta contro il Porto Empedocle

Basket, l’Assitur Planet Catanzaro rimedia un’inaspettata sconfitta contro il Porto Empedocle

Termina con una sconfitta del tutto inaspettata l’anticipo dell’Assitur Planet Catanzaro. Il fanalino di coda è riuscito a rimandare a casa sconfitta la vice

capolista e conquistare la quarta vittoria della stagione, ribaltando qualsiasi pronostico della vigilia. I giallorossi, giunti in Sicilia privi di Simone Ippolito, infortunato al collo proprio nell’ultimo allenamento della settimana, dopo un viaggio reso difficile dal maltempo imperante, non sono stati capaci di violare il palazzetto degli ultimi della classe. Nonostante l’inizio di marca catanzarese, con il primo quarto completato in vantaggio di cinque lunghezze, nella seconda frazione Il basket Empedocle cominciava a risalire la china, piazzando un break importante e portandosi sul più due all’intervallo lungo. Per i padroni di casa sono da subito ottime le prestazioni di quelli che saranno i migliori in campo, ovvero Fathallah e Di Simone, atleti tenuti nella massima considerazione sin dalla preparazione della partita da parte di coach Tunno, che hanno realizzato in due più della metà dei punti totali della squadra locale. Catanzaro, con Carpanzano e Cattani meno precisi del solito dalla lunga distanza, si affida alla classe di Scuderi ed al duo Sereni-Fall, entrambi in doppia doppia per punti e rimbalzi. L’equilibrio domina anche nel terzo periodo, Empedocle sembra poter stare in partita nonostante la classifica lascerebbe presumere ben altro. L’Assitur trova la via del canestro ma subisce troppo la verve dei siciliani che iniziano a pensare di poter fare l’impresa. Gli ultimi dieci minuti sono densi di emozioni, con continui agganci e sorpassi, viaggi in lunetta nei quali la freddezza di tutti i protagonisti rende vano il ricorso al fallo sistematico. A pochi minuti dalla fine il punteggio é in perfetta parità ad un minuto e mezzo dal termine. Nel momento determinante, Empedocle sarà più precisa dalla linea della carità e per i giallorossi il suono della sirena segna impietosamente un meno tre che vale anche la terza sconfitta stagionale. Per gli atleti del capoluogo calabrese non è tempo per recriminare o fare drammi, quanto meditare sulla debacle e prepararsi al meglio per riprendere la marcia dal prossimo match, con la voglia e la passione tipica di un gruppo forte come quello giallorosso.