Home / sport strill it archivio / Altro Calcio / Verso Cesena-Reggina, Tabanelli: ”Possiamo vincere, ma niente smania del risultato”

Verso Cesena-Reggina, Tabanelli: ”Possiamo vincere, ma niente smania del risultato”

Andrea Tabanelli si può considerare, senza se e senza ma, un punto fermo del Cesena. Il centrocampista dalle spiccate doti offensive, infatti, fatta eccezione per tre partite contro Lanciano, Palermo e Carpi in avvio di stagione, si è rivelato uno dei più continuativi dal punto di vista delle presenze e del minutaggio, in Romagna: “Gli attestati di stima ricevuti nell’ultimo periodo fanno piacere ma non mi monto la testa, anzi sono uno stimolo in più per migliorare quotidianamente” ha dichiarato il ventitreenne centrocampista. “Quest’anno ero partito con qualche incertezza, poi sono riuscito a prendere fiducia in me stesso e a ritagliarmi un posto importante all’interno della squadra. Ci sono ancora tante cose da migliorare per essere più decisivo e concreto, ad esempio l’aspetto del gol, devo inserirmi più spesso sui cross”.

Un percorso di crescita costante, figlio di sacrifici e sudore agli ordini del mister: “Quest’anno ho fatto un saltino in alto ma è dipeso anche dall’atteggiamento positivo della squadra, l’anno scorso era più difficile, venivo da due anni difficili in Lega Pro con qualche infortunio che aveva rallentato la mia crescita. Il mister mi ha aiutato sotto il punto di vista mentale, dovevo tirare fuori qualcosa di più. C’è stato tanto bastone e poca carota, all’inizio è stata dura, ma oggi si vedono i frutti”.

Dopo il pari con l’Empoli la squadra ha dato segnali di ripresa, ma occorrerà migliorare per vincere contro la Reggina, prossima avversaria dei romagnoli: “Ci siamo ripresi sotto il profilo mentale, con l’Empoli abbiamo fatto vedere che non eravamo quelli di venerdì”, conferma Tabanelli.” Un calo in un campionato così lungo penso ci possa stare, dovevamo mandare via l’alone di negatività che si è creato. Non bisogna caricare troppo la gara di sabato ma avere la fiducia in noi stessi. Più che nervosismo c’è una gran voglia e una grande carica di dimostrare il nostro valore, col Padova è stato un passo falso, una serata nata male e finita peggio. Con la Reggina sarà una gara piuttosto equilibrata, loro non verranno qui a giocarsi la gara, sarà difficile trovare gli spazi. Dovremo avere equilibrio nei novanta minuti, con le nostre qualità possiamo batterli senza farci prendere dalla smania del risultato”.