Home / sport strill it archivio / Altro Calcio / Lega Pro II, Vigor Lamezia: Rosti sbaglia e i biancoverdi affondano, ma niente pressioni

Lega Pro II, Vigor Lamezia: Rosti sbaglia e i biancoverdi affondano, ma niente pressioni

Premessa d’obbligo: le colpe della sconfitta di sabato non sono solo di Rosti. È il sessantasettesimo minuto della partita Aversa-Vigor, il portiere ospite riceve un retropassaggio

che raccoglie, ma il tardivo rinvio favorisce l’attaccante avversario, che uccella così il pipelet.
Facile incolpare un portiere che, sulla carta di identità, fa segnare un 23/10/1993 fresco di battitura.
Per lui si tratta della prima esperienza tra i professionisti, quindi una papera non va condannata.
È stata decisiva, probabilmente, perché fin lì, pur giocando male, la Vigor aveva retto l’onda d’urto dei normanni. Verissimo. Come è vero che si tratti della seconda incertezza risultata decisiva ai fini del risultato, dopo quella col Tuttocuoio. Ma quando contro il Sorrento, sul risultato di 3 a 2 per i lametini fu lui a salvare la porta, certamente i metri di giudizio nei suoi confronti furono più lieti. Quindi, ad ora, bisogna cercare di stringersi e non caricare di pressioni un ragazzo che occupa il ruolo più delicato in campo: sbagliare per un centrocampista non porta sempre conseguenze, così come per un attaccante. Se sbaglia il portiere, ovviamente, l’errore è più evidente. La vita da guardiano può essere più dura anche di quella del mediano. A recuperar palloni in mezzo ci fai l’abitudine. A raccoglierli nel sacco no.