Home / sport strill it archivio / Altro Calcio / Calcio, Eccellenza: netta vittoria del Gallico Catona sul Guardavalle (3-0)

Calcio, Eccellenza: netta vittoria del Gallico Catona sul Guardavalle (3-0)

Gallico – Catona 3 – Guardavalle 0

Marcatori: al 14 Libri, al 43 Gatto, all’ 84 Giunta
Gallico- Catona : Pratticò 6,5, Calarco 7, La Cava 7,5, Barillà D. 8, Marcianò Gius. 7, Aguglia 7, Giunta
8,Gatto 8 ( all’ 84 Marcianò Giov.), Monorchio 8 (al 69 Nocera 7), Libri 8 (all’ 88 Fornello), Penna 7. All. Casciano
Guardavalle : Simonetta 5,5, Cimino 5 ( all’ 80 Reitano), Ranieri 5,Viscomi 5, Arona 5, Certomà 5, Romeo 5
(all’80 Albanese), Parisi 5, Dorato 5, Riitano 4, Iervasi 5. All. Calabrese
Arbitro-Saia di Palermo 7 ( assistenti Chiappetta e Terenzio di Cosenza)
Note-Espulso al 34 per doppia ammonizione Riitano
Gallico-
E’ il pomeriggio di Pasquale Casciano. Scelte mirate, ritmo e pressing elevato , copertura degli spazi.
Proprio nella giornata di tante assenze e di peso ( leggi Cormaci, Marra e Zappia) il Gallico- Catona
soprattutto nel primo tempo annichilisce ogni velleità ad un deludente , remissivo ed assai nervoso
Guardavalle che era sino ad ieri la “ terza forza” del campionato.
Giù il cappello , dunque, per il neo nato comprensorio Gallico- Catona che è quarto in graduatoria ( insieme
al Castrovillari), posizione play – off.
Disarmante quest’oggi la facilità con cui ha “confezionato” il successo, la proprietà nel palleggio, le
geometrie di gioco, le tante occasioni sprecate ( un palo dello stesso “ fuori quota” Mimmo Giunta).
Già i “ fuori quota” ! Primo sigillo d’autore per l’attaccante Domenico Giunta, vivace e presente in ogni
azione Manuel Monorchio, il mediano Daniele Barillà rompe e propone le azioni come se fosse un veterano,
Andrea La Cava è un esterno difensivo che è una certezza, ha giocato poco meno di venti minuti ma ha
piedi buoni anche Nocera.
Senza Marco Cormaci squalificato capisce che è la sua giornata Demetrio Libri. Gioca sul fronte
offensivo avversario, la prima mezz’ora è da cineteca. Assist, gioca a testa alta, si muove con scioltezza.
Al 14 “saetta” a rete da 15 metri , un tiro radente che fulmina Simonetta. E tutti ad applaudire, ironia della
sorte non si rimpiangono gli assenti. Qui nessuno è indispensabile.
Forsennato il ritmo dei locali. Leo Gatto illumina da par suo, Demetrio Libri non è da meno, l’inedito trio
dei “ fuori quota” in fase offensiva Monorchio, Daniele Barillà e Giunta è “frizzante” e fa ammattire i
difensori del Guardavalle.
Giunta colpisce un palo al 28 , Monorchio al 32 di testa sfiora il palo. Anche Andrea Penna è utile nell’
equlibrio tattico. E il Guardavalle ? Era temuto, ma non si è ben approcciato alla gara. Dalla panca netta la
vittoria di Pasquale Casciano su Calabrese. Solo nel finale si sono fatti sotto ma senza colpire, quando il
risultato era già ben consolidato. Irritante l’atteggiamento del nervoso ( senza motivo !) Riitano che è una
delle pedine importanti della squadra ospite. Guardavalle che ha giocato in 10 per più di un tempo.
Bravo il Gallico- Catona nella predisposizione, attaccanti che hanno aggredito gli spazi sin dentro la difesa
Avversaria, ritmi indiavolati. Guardavalle sorpreso, mai in partita. Una giornata storta o Gallico – Catona
davvero spumeggiante.
Il raddoppio di Leo Gatto è tutto da raccontare. Una punizione sulla destra da 40 metri, portiere ospite
leggermente fuori dai pali, lo stesso Gatto calibra una traiettoria millimetrica che si va ad infilare proprio
sotto la traversa imprendibile per Simonetta. Roba da stropicciarsi gli occhi. Esecuzione balistica perfetta.
Terzo sigillo per il venticinquenne ragazza del rione Santa Caterina cresciuto nelle giovanili della Juventus.
Il “tris” arriva nella ripresa. Leo Gatto lancia un invitante pallone per Domenico Giunta che batte con un
preciso raso terra Simonetta. E calano le ombre della sera. Il Gallico- Catona entusiasma sempre più i propri
tifosi, ormai lo scetticismo è un lontano ricordo. Play off, tanti giovani valorizzati, gradinate del “ Lo Presti”
sempre più piene. Chissà … il meglio forse deve ancora arrivare !
Giuseppe Calabrò