Home / sport strill it archivio / Altro Calcio / La sfida tra nobili decadute non regala gol. Messina-Cosenza a reti bianche (0-0)

La sfida tra nobili decadute non regala gol. Messina-Cosenza a reti bianche (0-0)

messinatifosi

La Seconda Divisione della Lega Pro non è certo la dimensione che si addice ad una sfida tra Messina e Cosenza, due piazze che hanno conosciuto e

meriterebbero palcoscenici migliori. Ma la realtà è quella con cui ci si deve confrontare, la stessa che rivela un bugiardo zero a zero nella sfida tra i giallorossi e i rossoblù.

Finisce a reti bianche, ma per i 2500 spettatori presenti al San Filippo non è stato un match fatto di sbadigli.

I siciliani, impelagati a sorpresa nelle ultime posizioni della graduatoria, e i calabresi, battistrada del campionato, non deludono le attese nella sfida che solo pochi mesi prima valeva il titolo nel campionato di Serie D.

La spuntò la formazione dello Stretto, ma l’approdo in Seconda Divisione venne garantito ai silani dal ripescaggio.

Ed è proprio il Cosenza ad aver l’avvio migliore tra le due compagini con Moscario che spreca una clamorosa occasione a tu per tu con il portiere peloritano Lagomarsini calciando altissimo.

Ed è sempre l’attaccante a non finalizzare come potrebbe un contropiede ottimamente orchestrato dalla squadra di Cappellacci, che per larghi tratti del match ha usato come arma le ripartenze per mettere alle corde un Messina assai più propenso a far valere la propria manovra.

Ma anche il Messina, nel corso dei novanta minuti, può recriminare per delle occasioni non sfruttate da Chiaria.

Il punto può accontentare le due compagini, ben sapendo che, nonostante il destino di questo campionato abbia scritto una classifica diversa dai pronostici, le due rose hanno, come sottolineato dal patron giallorosso Lo Monaco, valori simili.

Il Cosenza resta primo, il Messina stacca il Gavorrano e si colloca al terzultimo posto.

L’obiettivo per entrambe resta l’accesso al girone unico della prossima Lega Pro.