Home / sport strill it archivio / Altro Calcio / Verso Messina-Cosenza, Cappellacci: ”Loro in crisi solo momentanea, sono tra le migliori squadre del campionato”

Verso Messina-Cosenza, Cappellacci: ”Loro in crisi solo momentanea, sono tra le migliori squadre del campionato”

“Veniamo da una settimana tranquilla, ci siamo tutti. Solo Castagnetti doveva recuperare, e ce l’ha fatta. Speriamo di fare bene, faremo la nostra partita. Non ho sensazioni negative, ma manco particolarmente positivo: al solito”. E’ un Cappellacci tranquillo quello che si presenta in sala stampa alla vigilia della sfida, la decima di campionato, tra il suo Cosenza e il Messina. Previsti cambi, vista l’abbondanza di elementi a disposizione? Cappellacci non esclude, ma non sembra propendere per questa ipotesi: “Ci rientrano giocatori importanti, potrei cambiare qualcosa ma non troppo”. Messina in difficoltà, ma il tecnico crede che quella dei giallorossi sia solo una crisi momentanea: “Credo che il Messina sia tra le più forti squadre del campionato. Nelle ultime due partite avrebbero potuto vincere, gli episodi spesso condizionano la classifica. Tra Messina e Cosenza non ci sono grandissime differenze, siamo tutte e due attrezzate e vogliose di far bene. Loro avranno fame, vorranno sicuramente sfruttare questa sfida di cartello per mettersi alle spalle il momento non positivissimo. Hanno qualità e hanno recuperato giocatori importanti. Hanno cambiato modulo nelle ultime partite e stanno facendo bene: insomma, solo dopo la partita potremmo dire qualcosa in più”. Castagnetti non al top, Bigoni pronto a prendere il suo posto: caratteristiche diverse per i due giocatori: “Castagnetti è più abituato a fare il centrocampista, rispetto a Bigoni lui ha cucito quel ruolo addosso. Bigoni però dà corsa alla squadra. Cambia qualcosa rispetto alle caratteristiche, il modulo resta il 4-3-3. Problemi di abbondanza? Non abbiamo molti giocatori da mandare in tribuna. Ci sono giocatori bravi che partono dalla panchina, ma undici ne possono giocare, non posso farci niente. Per essere un gruppo vincente bisogna accettare le decisioni e dare il massimo quando chiamati in causa. Calderini? È un attaccante con caratteristiche che ben si sposano con tutti i moduli dell’attacco”.