Home / sport strill it archivio / Altro Calcio / Calcio – Eccellenza, Gallico- Catona: si vince un derby a suon di reti. Gol – lampo di Leo Gatto

Calcio – Eccellenza, Gallico- Catona: si vince un derby a suon di reti. Gol – lampo di Leo Gatto

Gallico- Catona  5      –   Bocale  3                                                          I Giornata Eccellenza

Marcatori : al 2 Gatto, al 24 Gian. Marcianò (aut.), al 28 Zappia, al 48 e al 95 Savino, al 68 Laurendi, al 76

Crisalli (rig.), al 94 Calarco  

Gallico- Catona:  Barillà O. 6, Calarco 7, La Cava 6,5, Marra 6,5, Giov. Marcianò 6,5, Gius. Marcianò 6,5,

Zappia 8 ( al 64 Fornello 6), Gatto 7,5, Savino 7, Cormaci s.v. (al 17 Libri 6,5), Barillà D. 6.5. All. Casciano 

Bocale:  Cambareri 6,5, Catalano 6, Quattrone 6 (al 60 Dieni 5), Pannuti s.v. ( al 28 Amaddeo 6), Caricato 6,

Bianchi 6 ( al 46 Sapone 6), Saccà 5,5, Laurendi 7, Gazzetta 6, Saviano 6, Crisalli 6,5. All. Lo Gatto  

Arbitro- Belligerante di Locri 6 ( assistenti Emanuele e Buccinà di Lamezia Terme)

Note- Espulso al 90 Giov. Marcianò per scorrettezze   

Gallico-

Otto reti, cinque su “ palle inattive”, una rete annullata a Savino ai più apparsa regolare, un palo pieno dell’

attaccante Crisalli, Giovanni Marcianò espulso al 90. “Girandola” nel risultato , alla fine in piena “ zona

cesarini” vince un derby “ elettrizzante” il neo nato comprensorio Gallico Catona che si prende, fra l’altro, la

“rivincita” in campionato dopo essere stata eliminata (senza aver subito sconfitte) in Coppa Italia solo sette

giorni fa dallo stesso  Bocale. 

Gol- lampo, il primo in Eccellenza realizzato al secondo minuto e cinquantuno secondi. La “ palma” va a

Leo Gatto che ha realizzato una rete su punizione dalla perfetta esecuzione balistica.

Leo Gatto e un “magico” Daniele Zappia fanno la differenza con i loro precisi suggerimenti, la loro

sopraffina qualità, sulle “palle inattive” sono micidiali, precisi e calibrati. Daniele Zappia è stato il migliore

dei 22, si è sacrificato anche in fase di non possesso, le “ ripartenze” veloci , il superare l’avversario gli ha

consentito di procurarsi i falli per poi battere le punizioni dai 25 metri. Uscito per infortunio si è avvertita

la sua assenza come quella di Marco Cormaci sostituito al 17 da un ottimo Demetrio Libri.   

Leo Gatto è stato decisivo nell’ extra – time e con la squadra a corto di ossigeno e con un uomo in meno a

propiziare gli “assist” su punizione e superba voleè  vincente del difensore Peppe Calarco  e regalare un

“taglio” in diagonale per Nello Savino a cui non è stato facile fare “ cinquina” con Cambareri in uscita.

Già il “ codino” ed ex Nello Savino ha , finalmente, realizzato  una proficua “ doppietta” che fa tanto,

tantissimo morale e “ gasa” un giocatore che può essere fondamentale in un determinato tipo di gioco.

Il ritorno del “ metronomo” Ciccio Marra si è avvertito, ha dato quantità e copertura ad un centrocampo

con marcata propensione ad offendere. Bene anche il “ fuori quota” di centrocampo Daniele Barillà al

debutto  in Eccellenza : è un giovane che ha personalità e si sa adattare.

Pasquale Casciano ha rischiato il porta il “ fuori quota” Orazio Barillà, “guardiano dei pali” attento, ma si è

rischiato tantissimo sulle palle inattive e sui traversoni alti. Perché ? Nel finale di gara sul piano atletico si è

sofferto il maggior dinamismo del Bocale, la condizione atletica, ma si è solo agli inizi, va migliorata.

Tante certezze per un Gallico – Catona che può solo migliorare, che ha qualità indubbia a tre quarti campo,

con la “bandiera” Peppe Marcianò gladiatorio. Forse si è un po’ snob, sul 3 a 1 ci si è fatti raggiungere nel

finale e non è la prima volta ( è capitato in Coppa Italia). Se Zappia continua a giocare così e Leo Gatto a

deliziare ben supportati da Cromaci e Savino  il “ settimo” posto della passata stagione può essere

migliorato. In attesa del miglior La Cava.

Bocale che ha capacità reattive, ha fatto soffrire il Gallico- Catona nel finale di gara. Totò Laurendi e Saviano

si fanno valere, l’obiettivo della salvezza non dovrebbe sfuggire ai ragazzi del presidente Cogliandro.    

Il Gallico- Catona fa sua anche la “ scommessa” con i tifosi : una splendida cornice di pubblico sotto un

unico colore sociale. Quest’ estate sono stati abbattuti campanilismi e vecchi rancori sportivi. Evviva,

smentiti sino al momento gli scettici.

Chi ben comincia è a metà dell’opera e domenica si affronta in trasferta il Sambiase.

Giuseppe Calabrò