Home / sport strill it archivio / Altro Calcio / Salvezza della Reggina, il plauso dell’imprenditore Francesco D’Agostino : «Buona notizia per la Calabria sportiva»

Salvezza della Reggina, il plauso dell’imprenditore Francesco D’Agostino : «Buona notizia per la Calabria sportiva»

Dal “Tutto food 2013”, la fiera milanese dell’agroalimentare in cui l’azienda e’ presente con un proprio stand, l’imprenditore Francesco D’Agostino, titolare di “Stocco&Stocco”, sponsor della Reggina Calcio, interviene sulla permanenza nella cadetteria della squadra calabrese. «La provincia di Reggio Calabria e, più in generale, tutta la regione, non possono che salutare con soddisfazione la salvezza della Reggina in serie B – sostiene D’Agostino -. L’importante risultato sportivo, pur essendo giunto solo all’ultima giornata di campionato, al termine di una stagione non priva di difficoltà, ha visto affermarsi ancora una volta i grandi valori umani e tecnici che stanno alla base di un progetto sportivo e gestionale che, come azienda, abbiamo sposato ormai da molti anni. Complimenti dunque al presidente Foti, alla societa’, a mister Pillon e ai calciatori per aver dimostrato nella parte finale di questo travagliato torneo il carattere e la determinazione che i tifosi si aspettavano».

Il titolare di “Stocco&Stocco” prosegue: «La Reggina Calcio costituisce ormai da quasi trent’anni un brillante esempio di come una sana passione sportiva unita ad una lungimirante visione imprenditoriale, possano costituire i cardini di un’esperienza positiva e solida, capace di restare saldamente in piedi anche nei momenti di crisi come quello attuale. E non va dimenticato l’impatto sociale storicamente scaturito dai risultati della principale realtà calcistica di questo territorio. E’ un dato pienamente acquisito  infatti – prosegue D’Agostino – che  intorno ai colori amaranto, negli anni piu’ proficui della storia del club, abbia preso forma una comunità più consapevole dei propri mezzi e capace di proporsi come realtà significativa sullo scenario nazionale e internazionale. Da questi presupposti riparte una nuova avventura che, grazie anche alla spinta che arriverà dalla celebrazione del centenario, siamo certi vedrà nuovamente unito un intero territorio intorno ad una fede sportiva che, auspichiamo, possa essere ancora a lungo sinonimo di crescita sociale».