Home / sport strill it archivio / Altro Calcio / Calcio: vittoria casalinga per la Gallicese

Calcio: vittoria casalinga per la Gallicese

Gallicese 2   –  Gioiosa Jonica 1                                                                   Gara play off

Marcatori : all’ 83 Siclari, all’ 89 Lacava, al 119 Facciolo

 

Gallicese: Barillà 7, Alampi 7, Fabrizio 7 (al 77 Marra), Penna 7, Marcianò 8, La Cava 7, Nizzari 7 ( al 55

Giunta  8), Aquilino 7, Amodio 7, Libri 7, Chirico 7 ( al 55 Facciolo 8). All. Casciano

Gioiosa Jonica: Dulciano 7, Panetta R. 7, Libri D. 6, Barbaro 6, Cosenza 6, Romano 6, Cortale 6, Denaro 7,

Panetta  R. , Libri Giov. (al 67 Panetta G. 6), Siclòari 7. All. Silvano

Arbitro: De  Napoli di Cosenza   5,5 ( Cucumo e Terenzio di Cosenza)

Note- Espulsi al 42 Libri D. per doppia ammonizione, all’ 89 La Cava per scorrettezze, al 117 Amodio e

Cortale per reciproche scorrettezze, al  120 Cosenza per scorrettezze.

Gallico-

Una gara palpitante, intensa, nervosa, ben cinque espulsi ( tre del Gioiosa Ionica e due della Gallicese), la

disputa  regolamentari finita in parità  e con entrambe le compagini ridotte in 10. Uno ad uno al 90, si

decide tutto ai supplementari ( il pari è risultato ancora favorevole alla squadra di casa) . Al 122 minuto

decide il neo entrato Andrea Facciolo, il poderoso esterno trafigge Dulciano con un preciso diagonale.

Per la Gallicese e i suoi irriducibili tifosi è l’apotesi, domenica prossima a Rosarno in gara 2 play off si

affronta  la blasonata Palmese. Una gara che vale un’intera stagione e che può essere importante anche in

fase di eventuali “ ripescaggi”. Staremo a vedere.

Il Gioiosa Ionica esce di scena ma  a testa alta. In 10 per gran parte del secondo tempo ( espulso Mimmo

Libri nel finale di primo tempo)  nel momento migliore della Gallicese era riuscita a passare in vantaggio

Inaspettatamente con una rete di Siclari in spaccata dopo un assist di Denaro.

Una vera e propria “ doccia fredda” per i locali che avevano appena solo  sette  minuti per riequilibrare le

sorti dell’incontro ( alla Gallicese bastava anche un pari per passare il turno). Proprio all’89 su un corner

battuto da Peppe Amodio  si eleva in area ospite più alto di tutti il centrale difensivo La Cava che di testa

beffa Dulciano. Lo stesso La Cava è esuberante nell’ esultanza e verrà purtroppo espulso ( non ci sarà

contro la Palmese) con le nuove regole di comportamento. I tempi regolamentari finiscono dunque in

parità. Si va ai supplementari.

La stanchezza la fa da padrone. I cambi di Pasquale Casciano sono decisivi. E’ vivace Mimmo Giunta e il

poderoso Andrea Facciolo . Il “ fuori quota” Giunta viene atterrato in area allo scadere del primo tempo

supplementare , ma l’arbitro sorvola. La posta in palio è elevata, la tensione è altissima e si avverte.

Saltano i nervi a Amodio e Cortale che vengono espulsi. Si gioca in nove, poi viene espulso anche il

difensore Cosenza, con gli ospiti che finiscono la gara in soli otto uomini.

Decide Faccilo con una “rasoiata” imprendibile per Dulciano. Ci rimane male il Goiosa , festeggia la Gallicese

che ha , forse, maggiore qualità.

A confronto due tecnici navigato come Pasquale Casciano e Cosimo Silvano. 4-2-3-1 per Casciano, 4-4-2 per

Silvano con le punte “ fuori quota” Siclari e Riccardo Panetta.

Prime fasi di gioco abbastanza contratte, le due formazioni si temono. Pochi sussulti, al 18 un tiro di Denaro

viene deviato in angolo dal bravo Barillà.

Nino Chirico cerca di farsi valere in attacco, ma Cosenza lo tallona bene. Al 42 l’espulsione di Mimmo Libri.

Al 45 Nino Chirico non ne approfitta di una buona occasione.

Nel finale di secondo tempo le emozioni sono a iosa. Il Gioisa Jionca con al seguito ben 200 tifosi passa in

vantaggio con Siclari, la Gallicese fa pari ed espulsione con La Cava.

Si decide ai supplementari. Vengono espulsi  Amodio e Cortale, poi Cosenza. Andrea Facciolo nel convulso

finale è decisivo. La Gallicese continua l’avventura contro la Palmese ( in campionato hanno avuto sempre

la meglio i neroverdi), il Gioisa Ionica è deluso. Ma questo è il gioco del calcio.

 

Giuseppe Calabrò