Home / sport strill it archivio / Altro Calcio / Eccellenza: Catona festeggia contro la Gioiese, ma il futuro?

Eccellenza: Catona festeggia contro la Gioiese, ma il futuro?

Catona  3  –  Nuova  Gioiese  2                                                                              XXX GIORNATA
Marcatori :al 10 Pirrotta, al 32 Crea (aut.). al 48 Cormaci, al 56 Gatto, al 79 Fornello A.

Catona : Dall’ Arche 7, Pesto 7, Crea 8, Fornello P. 8. Marcianò 8 (al 52 Fornello A. 8), Calarco 7, Zappia 7 (al
58 Sapone 7),Gatto 8 (al 63 De Marco 7),  Musarella 7,Cormaci 8, Giriolo 8. All. A. Barillà 9
Nuova Gioiese : Bonvito 7(al 46 Panuccio 6), Cosoleto 7, Barilla 7, Nesci 7 (al 64 Cassaro 7), Dieni 7, Bran
cati 7, Velletri 7 (al 63 Pascu 7), Spanò 7, Sacco 7, Vita 7, Pirrotta 8. All. Mario Dal Torrione 9    
Arbitro-Franco  di Locri  7  ( Vieytes di Cosenza e Buccinnà di Lamezia terme)
Villa San Giovanni –
Un successo “ storico” e in rimonta. Una grande festa sulla spalti, fair play fra le opposte tifoserie.
Spreca un penalty battuto da Dall’ Arche al 2 minuto, il Catona soffre soccombe per due a zero alla fine
del primo tempo, nella ripresa Marco Cormaci, Leo Gatto e Sandro Fornello suggellano una stagione da
incorniciare. Settimo posto in graduatoria
Un “ torpedone” di macchine, bandiere, clacson spiegati. Da Villa San Giovanni a Catona per festeggiare il
Catona in una stagione che sa di “ storico”. Nello Violante è visibilmente commosso, gli è accanto la moglie
Luisa, il direttore generale Peppe Misiti e i giovani collaboratori Matteo Iannò e Ciccio Reitano.
“ Grazie ai giocatori, ai nostri tifosi che ci hanno seguiti in tutti i campi, è stata una stagione ricca di
soddisfazioni, che ci arricchito di nuove esperienze. Il futuro prossimo dopo quest’esaltante avventura ?
Si schermisce il presidente Violante, per  adesso  si vuole godere questa serata “ magica”. Una felicità celata 
di malinconia per l’incerto futuro societario. Un anno fa ( 1 maggio ) il salto di categoria, adesso una
“ storica” salvezza in Eccellenza.
Si conclude a Villa San Giovanni la “ regale” marcia della N.  Gioiese di Nando Rombolà che “saluta” l’
Eccellenza ritornando a calcare dopo 19 i campi della  quarta serie. Già la Gioiese allenata lustri fa dal 
Compianto Franco Scoglio, il professore ! Miglior difesa e miglior attacco del torneo, gente di qualità come 
super bomber Pascu.Taverniti, Lombardo, Carrano, Cambria.
I viola allenati dal gioiese doc Mario Dal Torrione hanno disputato una stagione esaltante coniugando
qualità tecniche ed atletiche che alla distanza hanno evidenziato il “gap” con avversarie di rilievo come il
Rende. E’ raggiante il patron  Nando Rombolà che con cocciutaggine ha sempre creduto nel salto di
categoria, i tifosi sono in estasi. Il glorioso passato non è più un ricordo. Il futuro? Si ripartirà da Dal
Torrione . Gioia Tauro ha tradizione e blasone.
Il Catona si interroga sul proprio imminente futuro dopo aver portato all’epilogo una stagione “ storica”,
un campionato di Eccellenza affrontato senza timore riverenziale alcuno, anzi … prendendosi  belle
soddisfazioni al cospetto di realtà blasonate ed opulente. Meglio di così non si può. Fra tante, tantissime
difficoltà oggettive ( senza un proprio terreno di gioco, senza sponsor).
Una perfetta simbiosi fra società, tecnico e giocatori. Una compagine capace di divertire e divertirsi. Senza
una vera e propria punta di ruolo. Una capacità di adattarsi all’avversario di turno, ben 15 “ under” al
debutto con viva soddisfazione del bravo tecnico Totò Barillà che a Catona ha conquistato una promozione
e una permanenza in Eccellenza. Si chiude probabilmente un “ ciclo vincente”. Barillà alla ricerca di nuovi
stimoli in un  nuovo ambiente o di un  possibilissimo ritorno di fiamma a Bocale, guarda caso, con Nello
Violante nelle vesti di direttore generale che potrebbe optare anche per la vicina  Villa San Giovanni
sempre come “diggì”. 
Per il momento sono solo delle ipotesi e tutto legato alle sorti future del Catona. Il Bianco di Mario Carone
è l’ acquirente per la cessione del titolo.
39 punti in graduatoria: 9 vittorie (2 in trasferta), 12 pareggi, 9 sconfitte. 30 reti all’attivo, 36 subite.
La “ colonna vertebrale” della compagine con gente di qualità come il portiere Dall’ Arche, il difensore
Sandro Fornello, il regista Leo Gatto e Marco Cormaci.
Brillante la stagione della “ pantera” Pasquale Fornello, del granitico difensore Peppe Calarco, della “
bandiera” Peppe Marcianò. Giriolo e Pesto gli under  che hanno giocato di più. Giovannino Cullari, Viel,
lo sfortunato Suraci , Musarella, De Marco si sono fatti valere. Daniele Zappia ha dato qualità al complesso.
l giocatori più prolifici sono  Cormaci e Sandro Fornello  con 6 sigilli.
Già il futuro ? A breve un ’assemblea pubblica per “ sensibilizzare” gli operatori economici della zona.
L’ attuale “parco giocatori” attende “risposte” in merito. .
L’ attuale dirigenza ( in cinque anni dalla prima categoria all’ Eccellenza) vuole allargare l’assetto societario,
si è alla ricerca di nuovi soci, di nuovi sponsor.” Mi potrei fare da parte, sostiene Violante, lasciare la carica
di presidente per il bene comune ( farebbe il direttore generale)  ,altrimenti si rischia di cedere il titolo o 
fare comprensorio. Sarebbe un “ suicidio” disperdere tutto quello che di buono è stato fatto. Il “ Reitano”
dovrebbe essere messo in funzione , è una “ priorità” per il futuro. Diamoci una mossa. “ Amiamo” ciò che
ci appartiene.

Giuseppe Calabrò