Home / sport strill it archivio / Altro Calcio / Calcio dilettanti: Catona capolista in Eccellenza

Calcio dilettanti: Catona capolista in Eccellenza

Sette punti nelle ultime tre dispute. Catona ancora imbattuto e capolista comprimaria. Meglio di così al

momento per una “ matricola” non è lecito attendersi. Non ha sudditanza al cospetto di avversarie
blasonate ed opulente, soprattutto al Santoro, dove si sono cimentate il Castrovillari ( sconfitto) e il temuto
Guardavalle ( pari) . Quattro reti segnate, tutte da centrocampisti come Leo Gatto, Cormaci, Morello e
l’”under” Giriolo, una sola subita.
Contro il Guardavalle è stato il solito Catona “ operaio” ma geniale, dedito al sacrificio che ha saputo
concretizzare i momenti “ topici” del match. Compagine giovane ma avveduta e sorniona che fa della
spigliatezza atletica la sua priorità.
E’ stato un “ under” a fare gap. L’esterno alto Giriolo, un giovane che ha passo, salta l’avversario, punta la
porta. E’ sempre propositivo. Ha proprio ragione a credere negli “under” il mister “ sgobbone” Totò Barillà.
L’infortunio dell’altro “under” Cambria ( un altro tipo tosto) fa rivoluzionare il modulo a Totò Barillà. 4-1-4-1
Già il “under” come lo stesso portiere Candido decisivo in almeno due interventi, l’esterno Suraci e il “
gioiellino” di Concessa Emanuele Spanti.
Sandro Fornello viene sacrificato nella corsia sinistra, il duttile Peppe Marcianò fa il centrale difensivo
Insieme all’indispensabile e superbo Peppe Calarco.
Leo Gatto e Mraco Cormaci sono i “top player” . Hanno classe, piedi buoni, sulle “palle inattive” sono
Glaciali. Hanno, fra l’altro, tanto voglia di dimostrare a tutti il proprio valore. Già lo giusto spirito.
Il “ vate” taumaturgo Nello Violante ci spiega il segreto. E’ proprio il tecnico Totò Barillà. Serio, appare
burbero, ma gran lavoratore. Silenzioso e concreto. Fa del “ gruppo” la parte fondamentale, chi sta in
panchina non mugugna e si fa trovare sempre pronto. Un esempio è Peppe Bonadio.
Il ritorno del “ bagnaroto” Enzo Morello può tornare utile.
Il pre- campionato è stato incerto, ma ci , dice il presidente Nello Violante, ha dato utili indicazioni, la
bruciante sconfitta interna di Coppa contro il Bocale ci ha dato utili indicazioni, ci siamo subito messi
all’opera con gli arrivi di Cormaci e Giriolo la compagine ha una propria fisionomia e identità.
Violante, l’anno scorso avete vinto il campionato di promozione ma quest’anno avete radicalmente
cambiato l’organico, perché?
E’ stata una scelta condivisa da tutta la giovane società, abbiamo, continua Violante, voluto creare nuovi
stimoli ,forse un nuovo ciclo. I nuovi non hanno fatto rimpiangere, sino ad adesso, il gruppo dell’anno
scorso.
Certo mi aspettavo di più dagli operatori economici della zona, ma sono certo che invertiremo la tendenza.
I nostri tifosi sono tantissimi giovani che ci seguono da diversi anni dappertutto , aumenteranno con i
risultati. Ci penalizza di non poter disporre del “ Reitano”, stiamo cercando di organizzarci meglio, di fare
una “ foresteria”. Ci vuole tempo , conclude Violante, ma anche un bilancio economico consolidato e di
questi tempi non è facile.
Sono grato per la collaborazione al co- presidente Roberto Morgante, al vice FabrIzio Vitali, al cassiere
Riccardo Marra, a Matteo Iannò a ai giovani collaboratori come Ciccio Reitano, Peppe Megali, Salvatore
Calabrò, Gianni Palumbo, Mazzacua. Questi ultimi “ stupendi ragazzi” ci danno la forza di continuare.      
Il nostro obiettivo è la salvezza. Quest’avvio turbo alla fine ci tornerà utile. Alla distanza le compagine
accreditate si faranno valere.
Il Catona Calcio ufficializza gli acquisti di due attaccanti. Sono il cariatese  Jonothan Cristaldi, ex Rossanese e
Carrarese e il giovane Postorino l’anno scorso in forza all’ Hintereggio.
Il team di Nello Violante ha ceduto, invece, al Salice ( seconda categoria) il difensore Totò Laganà e
l’attaccante Bruno Giordano.
Una curiosità a margine. Nella prossima trasferta di Paola la squadra del Catona e la stessa Paolana prima
della gara faranno “ pellegrinaggio” al Santuario di San Francesco di Paola. A Catona , fra l’altro, c’è una
chiesa di San Francesco  di Paola con una tradizionale festa religiosa che si svolge in aprile in ricordo del
Santo che ha attraversato con il mantello lo Stretto di Messina .

Giuseppe Calabrò