Home / sport strill it archivio / Altro Calcio / Calcio: l’Hinterreggio vince la Serie D e vola in Lega Pro

Calcio: l’Hinterreggio vince la Serie D e vola in Lega Pro

hinterreggio

E’ festa per l’Hintereggio. La formazione biancazzurra spicca il volo verso il mondo dei professionisti vincendo il campionato di Serie D, nonostante la sconfitta interna subita contro il Nissa (0-2).

Un risultato importante per la città di Reggio, che, considerando anche la Reggina, dalla prossima stagione potrà vantare due formazioni nelle maggiori serie del calcio italiano, un privilegio che poche città possono vantare.

Centinaia di tifosi hanno spinto la squadra nella partita odierna al “Comunale” di Ravagnese,  ma la pressione per l’alta posta in palio ha probabilmente giocato un brutto scherzo ad un gruppo che nel corso del campionato ha saputo far valere il maggiore tasso tecnico e l’ottima organizzazione tattica.

Ma quando c’è un appuntamento con la storia è lecito anche aspettare buone nuove dal San Vito di Cosenza, arrivate puntualmente.   Il pirotecnico tre a tre tra i lupi e il Sant’Antonio Abate può così diventare sinonimo di festa in riva allo Stretto.

I ragazzi di Di Maria conquistano la promozione con una giornata di anticipo grazie ai quattro punti di vantaggio sui rossoblù della Sila e ai sette sul Messina, rivali storiche del calcio reggino nella sua espressione amaranto.

Una cavalcata importante una società ambiziosa che ha costruito un centro sportivo con un settore giovanile all’avanguardia e che ha saputo programmare al meglio fino a raggiungere traguardi davvero importanti.

Un risultato meritato e ottenuto grazie ad una squadra composta da giovani molto validi ed elementi di categoria superiore, basti pensare alla coppia di difensori centrali composta da Ivan Franceschini e Gaetano Ungaro o all’esterno destro   Salvatore Vicari,  già protagonisti a Reggio con la maglia della Reggina in Serie A.

I complimenti più che meritati sono per il presidente Pellicanò, il direttore generale Rappoccio, l’allenatore Di Maria e per un gruppo che ha dimostrato di essere il migliore del torneo.