Home / Sport Strillit / REGGINA / La Reggina spegne le stelle del Monza, decide Rivas

La Reggina spegne le stelle del Monza, decide Rivas

di Pasquale De Marte –  Vittoria grande squadra per la Reggina contro una vera e propria corazzata.  La Reggina batte il Monza, conquista tre punti importanti e per il suo campionato  soprattutto conferma di aver acquisito certezze importanti.

La prima è quella di avere in panchina una guida tecnica di cui fidarsi che anche stavolta ha saputo trovare le contromisure ad un avversario che aveva potenzialmente decine di risorse offensive.

Il tecnico ha scelto una squadra fisica, meno tecnica, per arginare un avversario che non giocava bene, ma che sapeva far male qualora fossero mancate l’intensità e l’aggressività giusta.

In tal senso la scelta di proporre una linea mediana più quantitativa con Crimi e Crisetg è stata forse decisiva quanto il gol di Rivas. Il calciatore su cui, sin dal suo arrivo, l’allenatore ha puntato molto.

Reggina-Monza, equilibrio nel primo tempo

Il Monza arriva al Granillo mettendo subito i gioielli in vetrina.  Brocchi, senza Gytkajer, concede un posto nella formazione titolare a Balotelli, in un tridente dove c’è anche Boateng.

Baroni schiera, invece, un undici iniziale molto fisico. Lo si evince dalla scelta di preferire Stavropoulos a Loiacono, ma anche Bianchi a Crisetig.

La sfida è molto equilibrata e tattica.  Gli amaranto puntano sulle verticalizzazioni per Okwonwko, la cui velocità è un’arma su cui le contromisure brianzole sono anche ai limiti del regolamento. Anzi, a volte vanno oltre. Come quando Belluscia, già ammonito, stende il nigeriano lanciato a rete. L’intervento sarebbe degno del secondo giallo, ma l’arbitro non vede il fallo.

Nel complesso le trame migliori le fanno vedere gli amaranto, ma manca sempre l’ultimo passaggio che possa generare una conclusione degna di nota.

Davanti c’è un avversario che alterna fasi in cui aspetta sornione ed altre in cui affida a qualche accelerazione alle giocate dei singoli. Sul taccuino, però, le uniche due conclusioni annotate portano la firma di Mario Balotelli su calcio di punizione.  In un caso la traiettoria è bella, ma finisce fuori. Nell’altro la conclusione è debole e  Nicolas blocca in volo plastico.

Se c’è una differenza nello stare in campo tra le due squadre, quella sembra essere caratteriale.  Molto più aggressivi gli amaranto, più sulle punte la squadra di Brocchi.

La sblocca Rivas

Nella prima fase del secondo tempo la differenza si fa esponenziale. Al minuto 56′ la sblocca Rivas: Bellomo raccoglie un pallone dopo una respinta dalla difesa da corner, traversone in mezzo, uscita a vuoto di  De Gregorio e l’honduregno fa centro.

Pochi minuti dopo Balotelli, favorito da uno sfortunato rimpallo tra Stavropoulos e Crimi, si presenta solo davanti a Nicolas, ma il suo tocco è troppo debole e il portiere può neutralizzare la gigantesca occasione per i lombardi.

La Reggina inizia ad avere grandi spazi per ripartire.  Serve una grande uscita di Di Gregorio su Folorunsuo ad evitare  un possibile colpo di testa vincente, poi è Rivas solo davanti al portiere brianzolo a fallire il punto del 2-0.

La girandola dei cambi toglie ulteriore ritmo alla partita e, soprattutto, Folorunsho è costretto a uscire in barella per infortunio.

SERIE BKT, 28ª GIORNATA

REGGINA-MONZA 1-0

Marcatori: 56′ Rivas.

Reggina (4-2-3-1): Nicolas; Lakicevic, Cionek, Stavropoulos, Di Chiara; Bianchi, Crimi; Bellomo (87′ Loiacono), Folorunsho (74′ Crisetig), Rivas (74′ Edera); Orji (87′ Denis). A disposizione: Plizzari, Dalle Mura, Delprato, Liotti, Micovschi, Situm, Ménez, Montalto. Allenatore: Baroni.

Monza (4-3-3): Di Gregorio; Donati, Bellusci, Paletta, Sampirisi; Frattesi (81′ D’Errico), Scozzarella, Barillà (73′ Armellino); Boateng (81′ Ricci), Balotelli (73′ Mota), D’Alessandro (66′ Diaw). A disposizione: Lamanna, Anastasio, Bettella, Scaglia, Pirola, Colpani, Maric. Allenatore: Brocchi.

Arbitro: Davide Ghersini di Genova (Luigi Rossi di Rovigo e Andrea Tardino di Milano). IV ufficiale: Daniele Paterna di Teramo.

Note – Ammoniti: Bellusci (M), Crimi (R), Lakicevic (R), Boateng (M), Cionek (R), Scozzarella (M), Donati (M), Paletta (M). Calci d’angolo: 7-6. Recupero: 1’pt; 6’st.