Home / Sport Strillit / REGGINA / Reggina, Folorunsho: ‘Sto raccogliendo i frutti, c’era aria di frustazione nello spogliatoio’
Michael Folorunsho, Reggina 2020-2021
Michael Folorunsho, Reggina 2020-2021

Reggina, Folorunsho: ‘Sto raccogliendo i frutti, c’era aria di frustazione nello spogliatoio’

Michael Folorunsho è l’uomo del momento. Con gol e prestazioni sta trascinando la Reggina.  A livello nazionale si inizia a parlare del fatto che le sue prestazioni non stiano passando inosservate, soprattutto al Napoli.

Reggina, il momento di Folorunsho

Gli azzurri detengono il suo cartellino, ma presto potrebbero ricevere proposte considerevoli da altri club di Serie A pronti ad investire sul giocatore. Circostanze che probabilmente allontanano l’ipotesi che il suo futuro possa essere anche a Reggio Calabria.   La sua quotazione potrebbe, infatti, diventare irraggiungibile per un club di Serie B che non sia il Monza.

Non è, però, ancora il momento di pensare se la Reggina (senza diritto) potrà riscattarlo o meno.  Questo è anche per il giocatore il momento di andare a tutta, confermare i segnali palesati negli ultimi mesi e guadagnarsi eventualmente la massima serie.

Parla Folorunsho

Ai microfoni della Gazzetta Regionale ha parlato anche della sua esperienza in amaranto. “A Bari, insieme alla società, abbiamo deciso – ricorda –  di fare questa esperienza; mister Toscano mi aveva chiamato dicendomi che ero un giocatore importante. Avevo molta voglia di giocare e dimostrare, sapevo che non sarei partito avanti nelle gerarchie, anzi, ma a me piacciono le sfide. Ho lavorato davvero molto ed in questo momento fortunatamente ne sto raccogliendo i frutti. Tutto sta andando per il verso giusto e mi auguro che possa continuare così”.

Poi spazio all’attuale momento amaranto: “Inizialmente c’era aria di frustrazione nello spogliatoio, siamo consapevoli di essere una buona squadra con giocatori importanti; nonostante ciò, fino a qualche tempo fa non riuscivamo a fare risultato, anche se le prestazioni erano comunque buone. Giocavamo bene ma raccoglievamo pochi punti. Da gruppo unito e coeso quale siamo.  Abbiamo parlato, ci siamo confrontati cercando di risolvere le problematiche che si frapponevano al nostro cammino. Adesso siamo finalmente in un momento positivo, ci viene tutto molto più facile e gli ultimi risultati lo dimostrano. La strada è sicuramente quella giusta ma non dobbiamo accontentarci”.