Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina: è il Granillo il neo del 2020

Reggina: è il Granillo il neo del 2020

Parlare di difficoltà per una squadra che dopo ventiquattro giornate è prima in classifica con sei lunghezze sulla seconda rischia di essere stucchevole.

E’ innegabile, però, che nelle ultime partite sia venuta meno qualche certezza.  E’ arrivata una sorta di flessione fisiologica racconta dai numeri e da qualche evidenza rappresentata dal campo.

I primi a sostenere che ripetersi sarebbe stato molto difficile e che il girone di ritorno sarebbe stato un altro campionato erano stati proprio i protagonisti in amaranto.

Tuttavia, al momento, è vero che il Bari non perde da diciannove partite.

E’ oltremodo vero che, però, al momento quello che ha fatto leggermente ricucire il margine con le inseguitrici è il cambio di rotta avuto al Granillo.

Nella parte ‘2019’ la Reggina aveva ottenuto nove vittorie su nove uscite.

Nel 2020, invece, sono arrivati un pareggio che ci può stare (contro il Bari) ma una sconfitta inattesa contro la Virtus Francavilla.

Ed è davvero quella partita con i pugliesi oggi a pesare sulla classifica, considerando che gli uomini di Toscano erano pure andati in vantaggio ed avevano mostrato di avere il match in controllo per almeno un tempo.

Va decisamente meglio in trasferta. Nonostante la sconfitta di Castellammare contro la Cavese, sono arrivate due vittorie, seppur sofferte, contro Bisceglie e Vibonese.

6 punti in tre uscite esterne restano una buona media.