Home / sport strill it archivio / Reggina, dopo la Virtus Francavilla c’è il Bari

Reggina, dopo la Virtus Francavilla c’è il Bari

Mancano poco meno di due settimane alla sfida delle sfide: quando al Granillo arriverà il Bari, secondo in classifica e distanziato ad oggi nove punti, con l’occasione per la Reggina di porre fine alla parola promozione diretta in Serie B. Andrebbe anche bene un pareggio, ma è con i tre punti che gli amaranto farebbero definitivamente sprofondare i sogni di gloria dei pugliesi, ottenendo anche un vantaggio negli scontri diretti non di poco conto.

A quella partita però, che tutto l’ambiente aspetta con ansia da settimane, manca ancora uno step e sarebbe atrocemente errato snobbare l’impegno per pensare già al successivo. Come il brusco stop con la Cavese seguito al tonfo interno contro la Francavilla.

Ciò nonostante possono contare su di una buona classifica, è più vicina la zona playoff di quanto non sia quella playout, ragion per cui scenderanno in Calabria con ben poco da perdere, il che renderà la sfida davvero complicata.

Mimmo Toscano non si fida degli avversari: “La vittoria ci ha dato una spinta in più. È sempre un turno infrasettimanale. Dobbiamo subito pensare ad una partita che rappresenta una buccia di banana, una trappola. La classifica della Virtus Francavilla è bugiarda. La sfida va presa con le dovute precauzioni. Ci dobbiamo arrivare determinati, concentrati e riattaccare subito la sfida. Non è facile preparare una partita in un giorno.  La testa fa la differenza. Bari? Non dobbiamo mai pensare più che alla prossima partita”.

Come tutti gli avversari della Reggina di quest’anno, avranno lo stimolo in più di chi darà tutto per battere una capolista quasi perfetta, rinvigoriti da ciò che ha fatto la Cavese capace di battere i calabresi per 3 a 0: un risultato capace di infondere speranza a tutti i successivi rivali.

Lo dimostra l’ultimo difficile incontro della Reggina in Puglia, sul campo del Bisceglie: a tre minuti dalla fine gli amaranto perdevano, rischiando un pericoloso più sei sul Bari che stava traendo vantaggio dal successo momentaneo dei corregionali. Poi il rigore allo scadere di Denis a ripristinare la distanza di sicurezza fra le due compagini.

Il tabellone delle quote vede ancora la Reggina largamente favorita per la promozione diretta nel campionato cadetto: gli uomini di Domenico Toscano sono dati a 1.23, con un Bari che segue a buona distanza ed è quotato a 5.50, mentre la Ternana vien data a 6.50: lontane anni luce tutte le altre, come il Monopoli e Potenza pagate 21 volte la posta.

La Reggina ha perso il primo match dopo ben 19 partite, ne aveva pareggiate appena 4 subendo la miseria di 10 gol prima delle quattro nelle ultime due uscite: praticamente in 180 minuti aveva subito quasi il 50% dei gol in tutto il campionato sino ad allora disputato. La dimostrazione di forza mentale e tecnica giunta però sul campo del Bisceglie a sbrogliato tutti i dubbi circa un calo psicologico della squadra calabrese, capace con forza e determinazione di portare a casa un risultato fondamentale in vista del grande scontro diretto che andrà in scena al Granillo fra due giornate.