Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina: ecco quanti punti servono per la “matematica” nella peggiore delle ipotesi

Reggina: ecco quanti punti servono per la “matematica” nella peggiore delle ipotesi

“Salve, siamo la matematica” recitava un celebre striscione esposto dai tifosi amaranto in occasione di un Reggina-Messina. Anzi, del Reggina-Messina. Quello del 30 aprile 2006.

In quel caso si sapeva che una sconfitta dei peloritani avrebbe decretato in maniera ufficiale la retrocessione in Serie B dei rivali.

Non cambierà la storia di quello strepitoso aneddoto, ma quando si parla di calcoli di classifica nel calcio sarebbe più opportuno parlare di “aritmetica”.

Una materia che gli allenatori non amano, soprattutto quando si tratta di fare tabelle.   E proprio per questo in questo rapido calcolo ci affideremo all’ipotesi peggiore, ossia quale sarebbe il massimo dei punti che la terzultima potrebbe raggiungere in questo campionato.

Oggi il Racing Fondi, penultimo, ha 26 punti e sei partite da giocare.   Se dovesse vincerle tutte potrebbe arrivare a 44 punti.

La Paganese, invece, di punti ne ha 28  e sei gare ancora da disputare.  Vincendole tutte arriverebbe a 43 (in quel caso significherebbe che il Fondi arriverebbe massimo a 41, dovendo giocare una gara proprio i campani).

La Reggina, dunque, forte degli scontri diretti  dovrebbe fare quanto i laziali e all’appello mancherebbero 11 punti.  Cambierebbe poco se appaiati dovessero arrivare anche Fidelis Andria e Catanzaro dato che gli amaranto sono in vantaggio con tutti negli scontri diretti.

Si tratta, naturalmente, di un conteggio ipotetico dato che il Fondi dovrebbe battere persino il Lecce a domicilio in quell’ipotesi.

L’idea è che comunque la squadra amaranto con 6-7 punti sarebbe virtualmente salva. Per il momento, però, l’aritmetica non è d’accordo.