Home / sport strill it archivio / Battaglia: “Reggina, ci ritroviamo ma dobbiamo batterti. Aspetto tanti tifosi”

Battaglia: “Reggina, ci ritroviamo ma dobbiamo batterti. Aspetto tanti tifosi”

“Una buona partenza, avevamo fatto quattro punti nelle prime due gare, poi sono state affrontate squadre importanti e ne abbiamo sofferto, qualche punto perso per strada, la classifica adesso ci penalizza ma qualcosa ci manca nel nostro percorso. Chiaro che dobbiamo fare meglio ed immediatamente. Con il senno del poi forse si poteva fare qualcosa in più nella scorsa sessione di mercato, anche se le prestazioni sono state quasi sempre buone. Il problema è che la categoria è diversa rispetto a quella dilettantistica, qui non ti non perdonano il minimo errore. Non siamo mai stati al completo, soprattutto in attacco, tira la carretta il solo Saraniti e questo ci ha creato delle evidenti difficoltà, a pieno regime probabilmente sarebbe stato diverso. Oggi però dobbiamo prendere atto dell’attuale situazione, insieme a qualche errore commesso a livello generale. Il mercato degli svincolati lo si guarda e le valutazioni sulla eventuale condizione atletica, vanno fatte in base anche all’età del calciatore che si va a cercare. Magari quello più giovane lo hai prima sul piano fisica ma con meno esperienza, sicuramente non si prenderà qualcuno tanto per farlo, non ha senso. Siamo uomini di calcio e tutti siamo in discussione, l’allenatore ha avuto fiducia totale da parte del direttore generale, siamo coscienti tutti, allenatore, dirigenti e giocatori che ogni partita, però, ci mette in discussione. E’ arrivato il giorno del derby con la Reggina, un sogno che sembrava impossibile lo scorso anno. Adesso però dobbiamo mettere da parte il sentimento, bisogna fare i punti. Troveremo una squadra molto arrabbiata, altro che demoralizzata, sarà gara complicata per noi e per loro, abbiamo bisogno urgente di punti e non possiamo guardare in casa dei nostri avversari. C’è una Reggina che ha fatto un buon percorso, ha preso sei gol con il Matera e non è una cosa gradevole per qualsiasi squadra, anche se gli ultimi due nei minuti finali io non li considero. La tifoseria ospite sarà quella che ci aspettiamo e quella vista nella passata stagione, a loro verrà riservato il settore della gradinata. Dai nostri tifosi questa partita è molto sentita e mi aspetto incitamento continuo. E’ normale che in questo momento siano preoccupati, lo siamo anche noi, ma dobbiamo uscirne insieme”.

Michele Favano