Home / sport strill it archivio / Pallanuoto, A femminile – Città di Cosenza cede ai campioni d’Italia della Plebiscito Padova

Pallanuoto, A femminile – Città di Cosenza cede ai campioni d’Italia della Plebiscito Padova

Città di Cosenza – Plebiscito Padova 7-12 (1-3,2-2,2-3,2-4)

Città di Cosenza: Nigro, Citino(2), Gallo, De Mari(1), Motta S.(1), Koide(1), Garritano, Nicolai, De Cuia, Presta, Motta R.(2), D’Amico, Manna. Allenatore: Marco Capanna.

Plebiscito Padova: Franceschino, Barzon(2), Savioli I.(1), Gottardo(2), Savioli M.(1), Casson(1), Millo(2), Dario(3), Fisco, Mazzolin, Nencha, Lascialanda, Giacon. Allenatore: Stefano Posterivo.

Arbitri: Severo e Calabrò

Note: Fisco (Plebiscito Padova) uscita per limite falli.

Contro la squadra Campione d’Italia del Plebiscito Padova, la Città di Cosenza ha rimediato la terza battuta d’arresto di questa sua prima partecipazione alla final six di Coppa Italia. E’ finita 12-7 per le patavine ma la formazione allenata da Marco Capanna non ha demeritato. “La sconfitta col Plebiscito Padova – commenta il tecnico – è figlia della qualità della squadra veneta e della nostra inesperienza e incostanza che con la stanchezza sono risaltate. In più abbiamo perso per due tempi il nostro centro per un colpo ricevuto e patito maggiormente il pressing forte. Il bilancio di questa coppa è abbastanza positivo. Noto la crescita che ricerchiamo in atteggiamento, intensità e gioco. Si può sempre fare un po’ meglio e anche qui potevamo farlo in certe fasi dell’incontro. Ci siamo dati e abbiamo dato però il segnale che volevamo, ovvero correre con decisione per i play off, facendoci trovare sempre agguerriti per mascherare i nostri limiti finché con il lavoro non li avremo ridotti al minimo.
Sono fiero di queste 17 ragazze e non dimentico che mancava una giocatrice e ragazza fondamentale per noi come Francesca Pomeri”. La Città di Cosenza chiude al quinto posto con sei punti la sua partecipazione alla Coppa Italia.