Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, missione compiuta ad Agropoli. Decide Riva (0-1). Continua la scalata

Reggina, missione compiuta ad Agropoli. Decide Riva (0-1). Continua la scalata

di Pasquale De Marte –  La Reggina sbanca Agropoli e lancia un messaggio chiaro e deciso al campionato. “Siamo in ritardo, ma stiamo arrivando”, una comunicazione inequivocabile che le formazioni battistrada devono iniziare a recepire.

Gli amaranto vincono in maniera autoritaria, senza essere protagonisti di una grande partita ma rischiando poco o nulla.   Dieci punti in quattro partite, la continuità che tanto si reclamava è finalmente arrivata

E l’unico neo è rappresentato dal fatto che domenica prossima sarà tempo di osservare il turno di riposo, proprio nel momento in cui si poteva viaggiare sulle ali di un entusiasmo giustificato dai risultati.

Vittoria doveva essere e vittoria è statam, con altre posizioni scalata in classifica. Gli amaranto ora sono quarti a pari merito con Sarnese e Due Torri, una conquista se si considera che se fino a un paio di settimane c’era il rischio di doversi preoccupare di non retrocedere in Eccellenza.

E  gli acquisti importanti che ci si aspetta dal mercato (aperto già a dicembre) e  qualche scontro diretto tre le altre previsto nelle prossime settimane possono essere la spinta decisiva per ricucire il margine con le prime.

AD AGROPOLI – La partita non è bella.  L’approccio degli amaranto è decisamente migliore rispetto a quello censurabile di Scordia.  Per larghi tratti del match è la noia a vincere, interrotta solo da qualche duello rusticano come quello tra Mautone e Scalzone.

Da un lato c’è la squadra di Cozza, confermata negli uomini e nel modulo rispetto alle ultime uscite. 4-3-3 con Zampaglione, match winner contro la Palmese, che parte dalla panchina.

Dall’altro quella di Santosuosso reduce dal turno di riposo e una vittoria esterna, proprio sui neroverdi della Piana.  Nell’undici spiccano l’ex amaranto Cardinale (34 anni e 0 presenze presenze ai tempi della Serie A nel 2003) e bomber Puntoriere, reggino e con già cinque reti in campionato.

Un solo tentativo di Arena, in avvio di partita, mette i brividi al portiere Polverino, ma la palla finisce fuori.

L’intervallo serve a chiedersi se il bicchiere della prima frazione è mezzo pieno o mezzo vuoto.  La buona tenuta difensiva a fronte di una difesa spesso vulnerabile  in trasferta o la scarsa proposta offensiva?  La soluzione, nella ripresa, potrebbe essere migliorare la seconda per valorizzare la prima.

I numerosi tifosi amaranto presenti ad Agropoli
I numerosi tifosi amaranto presenti ad Agropoli

 Le cose non vanno soprattutto in attacco e, dopo neanche dieci minuti dall’inizio del secondo tempo, Cozza decide di giocarsela con Zampaglione al posto dello stesso Arena.

La Reggina padrona del campo. Fa girare il pallone, ma non trova il varco o lo spunto per attaccare con decisione la porta avversaria.

Al 18′ della ripresa l’episodio che mette in discesa la partita: mani in area di Cardinale e rigore. Nella circostanza Gallo si fa espellere per proteste.

Dal dischetto si presenta Riva che spiazza il portiere Polverino.

Avanti nel punteggio ed in superiorità numerica la sfida si mette in discesa per gli amaranto.

La gestione della parte finale della sfida non è però da grande squadra.

Sia perchè non vengono capitalizzate le occasioni che potrebbero portare al raddoppio, come quando Tiboni, da solo in area, calcia debolmente tra le braccia dell’estremo difensore avversario.

Sia perchè l’Agropoli va ad un passo dal pareggio già a quattro minuti dal novantesimo: tiro-cross di Adiletta, Puntoriere va a un centimetro dallo spingere in rete un pallone che attraversa tutto lo specchio della porta.

Non accadrà più nulla ed è ancora festa amaranto.

AGROPOLI-REGGINA, IL TABELLINO

Marcatori: 18′ st Riva

AGROPOLI: Polverino, Gagliardo, Adiletta (45′ st Dell’Arciprete), Melis, Chiariello, Cardinale, Capozzoli, Gallo, Puntoriere, Daniane (31′ st  D’Avella),Scalzone, Novelli. A disposizione: Salerno, Bernardini, Palumbo, Chirichella, D’Avella F., , De Simone.All. Santosuosso.

REGGINA: Licastro; Maesano, Carrozza, Riva, De Bode, Mautone, Lavrendi, Roselli, Tiboni, Arena (9′ st Zampaglione), Bramucci, A disposizione: Ventrella, Cucinotti, Mangiola, Corso, D’Ambrosio, Condomitti, De Marco. All. Cozza

Arbitro: Citarella di Matera.

Ammoniti: Scalzone,Mautone, Tiboni,Cardinale

Espulso: Gallo.

Recupero: 2′  e 4′.

Vedi anche:

Calcio, Serie D – Risultati 15^ e classifica. La Reggina scala posizioni, ma le prime corrono

Santosuosso: “Doveva finire zero a zero”

Praticò: “Restiamo coi piedi per terra”

Cozza: “Inizia un altro campionato. C’è un messaggio per la società”

Riva: “Adesso viene il bello.Ce la giochiamo con tutti con il nostro pubblico”