Home / Sport Strillit / REGGINA / Reggina: incognita under, ma capitale Rivas

Reggina: incognita under, ma capitale Rivas

Plizzari, Delprato, Dalle Mura, Folorunsho, Edera, Okwonwko, Rivas e Stavropoulos.   Sono nomi che vengono dalla Reggina della passata stagione.  Erano tutti under. A lungo, soprattutto nella gestione Baroni, il club amaranto ne ha sempre avuti in campo almeno quattro o cinque.

Circostanza che generava minutaggio e quindi denaro in cassa alla società.   Fino ad un massimo di 450 minuti a partita.

Si stima che i  compensi alle società , nelle passate stagioni, abbiano oscillato tra 800.000 e 1,5 milioni per chi aveva utilizzato di più i giovane. La condizione per ottenerli è, ovviamente, salvarsi.

Resta comunque difficile stabilire a priori la cifra esatta che una squadra percepisce, dato che c’è un montante che viene ripartito in maniera proporzionale al reale uso dei giovani a fine stagione da parte di tutte le squadre.

La Reggina  di questa stagione è invece particolarmente esperta.     I due calciatori under che possono, al momento, aspirare concretamente ad un maglia da titolare sono  Rivas e Adjapong.  Sono entrambi al limite (classe ’98) e la prossima stagione perderanno lo status.   Ci si potrebbe, però, aspettare che qualcuno tra Tumminello,Amione, Cortinovis, Ejjaki,  Gavili o Turati possa fare il salto di qualità già in questa stagione.

Ad oggi la prospettiva è che rispetto all’anno scorso i giovani potrebbero giocare di meno, con annesso mancato introito

Quanto accadeva l’anno scorso non era però la regola, ma era una sorta di incastro perfetto che raramente si trova.  Il rovescio della medaglia è che, ad esempio,  potenziale plusvalenza Rivas potrebbe garantire un gettito non da poco considerando che è stato pagato “solo”  500.000 euro.

E, a livello di bilancio, a dare una mano ai sacrifici del patron Gallo si auspica possa esserci il botteghino.