Home / Sport Strillit / REGGINA / Reggina: manca la certezza sul nome, ma per la punta il profilo è chiaro

Reggina: manca la certezza sul nome, ma per la punta il profilo è chiaro

La Reggina non avrà il braccino corto nel proporre un nuovo contratto a Samuel Di Carmine.  L’Hellas Verona lo lascerà andare senza troppi problemi, privandosi del suo ingaggio da circa 700.000 euro annui di cui c’è ancora una stagione residua.

Il calciatore non pare orientato ad accettare la B, ma il club amaranto vuole fargli capire che non c’è intenzione di lasciare nulla al caso e che l’approdo sullo Stretto ha connotati che vanno al di là della categoria.

A partire dalla cifra scritta sull’accordo triennale, tenuto conto che c’è contezza del fatto che per fare bene in un campionato è necessario prendere calciatori che conoscano la categorie e facciano la differenza. Spesso e volentieri è successo che, a questa categoria, facciano capo soprattutto elementi che non siano più nell’età più verde di una carriera agonistica.

Proposta importante sì, ma follie no. Ecco perché è la Gazzetta del Sud a svelare l’interesse amaranto per un altro nome importante per la cadetteria: il fresco svincolato dallo Spezia Galabinov.  Elemento d’esperienza, abituato a lottare per i quartieri alti della classifica e con un buon feeling con il gol. Profilo, in buona parte, sovrapponibile a quello di Di Carmine.

Non è dato sapere quale sarà il nome che alla fine arriverà, ma l’orientamento del club di Luca Gallo pare abbastanza chiaro rispetto alla volontà di prendere un giocatore “fatto” e in grado di incidere da subito a livello di finalizzazione del gioco.