Home / Sport Strillit / REGGINA / Reggina, i tre ruoli per i quali Taibi preferisce aspettare

Reggina, i tre ruoli per i quali Taibi preferisce aspettare

Massimo Taibi ha spesso grande umiltà nell’ammettere gli errori fatti in passato.  Non esattamente un dato scontato, se si considera che negli ultimi quattro anni, risultati alla mano, non gli si può dire molto.  Sia che ci fosse la forza economica di Gallo in Serie C, sia che  ci fosse da allestire una rosa di giovani come accadde con Cevoli.

Nelle recenti interviste ha specificato come non ci sia intenzione di correre come avvenuto, ad esempio, la passata stagione.  Il riferimento possibile riguarda la solerzia con cui si è chiusa l’operazione Lafferty, rivelatosi poi un flop.

Taibi, già qualche settimana fa, aveva chiarito come nelle sue idee ci sia la volontà di portare a Reggio un calciatore che abbia nelle corde la doppia cifra. Uno da aggiungere a Denis e Montalto.

Per quella casella il ds vuole attendere. Sa che nel mese di agosto, rispetto ad oggi, possono aprirsi spiragli che possono derivare dall’effetto domino che potrebbe essere generato da alcuni movimenti in Serie A.

L’altro tassello per i quali non c’è fretta, perché c’è consapevolezza possano presentarsi delle offerte, è quella del quarto mediano.  Ci sono già Crimi, Crisetig e Bianchi.  Ne arriverà un altro, verosimilmente di passo.  Il sogno è Obi, ma occorrerà che abbassi le pretese per essere compatibile con i parametri economici della Reggina.

E poi c’è un terzo elemento di spessore.  Potrebbe essere una seconda punta?  La conferma possibile di Menez, acuisce la sensazione che in realtà il colpo potrebbe essere fatto altrove.  Sarà da capire con le prime amichevoli dove si paleseranno eventuali lacune dell’organico.