Home / Sport Strillit / REGGINA / Reggina, su Faty e Menez tanto vale provarci? La situazione

Reggina, su Faty e Menez tanto vale provarci? La situazione

Storicamente i francesi hanno spesso fatto fatica con la maglia della Reggina.  Da Mercier a Charpentier, passando per Baclet.  Chi ha una conoscenza di quella che è la storia è cosciente dello scarso feeling che ha spesso contraddistinto i calciatori transalpini con la maglia amaranto.

Questo pareva essere l’anno dove, la portata degli arrivi, avrebbe potuto sconfessare questa evidenza storica, tenuto conto che in parte ci era già riuscito Doumbia.

Invece neanche Ricardo Faty e addirittura Jeremy Menez in Serie B hanno sconfessato questa tesi.   La  storia della loro annata, diversa, la conoscono tutti e in tanti li immaginano già lontani da Reggio.

C’è un parametro che potrebbe, però, non essere considerato abbastanza. Entrambi sono arrivati a Reggio con i vantaggi fiscali determinati dal Decreto Crescita (valido per chi porta il suo reddito in italia, dopo cinque anni furoi). Volendo semplificare il discorso: si paga l’imposizione fiscale unicamente sulla metà del loro stipendio. Un vantaggio considerevole di cui si può usufruire unicamente se chi porta il reddito in Italia ci resta per almeno due anni. Opportunità che, tra l’altro, riguarda anche eventualmente i lavoratori rispetto ai patrimoni personali o redditi prodotti all’estero.

Il provvedimento, tra l’altro, era stato messo in discussione per il mondo del calcio, ma alla fine è rimasto applicabile.

In tal senso l’esponente massimo di questa soluzione è stato Cristiano Ronaldo.  Menez e Faty hanno ancora due anni di contratto.   Se vanno via prima, può decadere il beneficio con le conseguenze che ne potrebbero derivare. Se si aggiunge che la Reggina dovrebbe eventualmente pagare una rescissione.

Sorge perciò  il dubbio che ai due sarebbe meglio offrire una nuova chance. In fondo uno non ha mai giocato per infortunio, l’altro ha avuto lampi degni della sua fama soprattutto nella prima parte del campionato e se vuole sentirsi ancora calciatore vero Reggio è la sua ultima chance.

I nomi restano importanti ed è ipotizzabile persino che abbiano mercato, ma un’eventuale soluzione indolore o quasi per il club  potrebbe essere solo un trasferimento verso qualche orizzonte dorato magari esotico del calcio dove per loro sarebbe facile mollare il contratto senza pretendere granché o trovare un accordo simile.