Home / Sport Strillit / REGGINA / Reggina-Ascoli, Baroni si fida di tutta la rosa: “Ognuno sia forza della squadra, cambi saranno fondamentali”

Reggina-Ascoli, Baroni si fida di tutta la rosa: “Ognuno sia forza della squadra, cambi saranno fondamentali”

Marco Baroni alla vigilia di Reggina-Ascoli non teme gli impegni ravvicinati. “Non mi preoccupano – ha detto – le energie nervose, quando sei in corsa per un obiettivo che non era programmato e la testa, per questo, deve andare. La squadra c’è, lo sta dimostrando”.

La squadra un girone fa temeva di retrocedere, ora punta ai play off.  “In questo momento – ha evidenziato il tecnico – dobbiamo avere rispetto di tutti gli avversari. Più l’avversario è importante, più la gara è importante. La nostra consapevolezza deve essere quello di voler dare tutto. Ci vuole la voglia, la determinazione e avere una testa leggera. È importante andare a giocarci le partite e godere delle bellezza della competizione”.

Ci saranno dei cambiamenti nella formazione titolare e c’è un candidato autorevole che, da subentrato, a Cremona ha avuto un buon impatto. “Folorunsho è  entrato bene. Doveva  – ha ricordato l’allenatore – ricentrarsi su quello che è il percorso. Questi ragazzi giovani che come lui hanno avuto un certo impatto forte hanno necessità di rimettersi al centro rispetto a partite, gestione e lettura. Mi è piaciuto come è entrato. È fortemente candidato ad andare in campo”.

Baroni si fida di chiunque andrà in campo. “La nostra – ha evidenziato – è una rosa dove hanno trovato spazio molti giocatori, ma perché ho creato questi presupposti. Ognuno deve essere la forza della squadra, da questo punto di vista so che non sbaglio. So che i giocatori sono pronti e poi come sempre, come è successo a Cremona, i cambi sono fondamentali. Quando calano alcuni ritmi i giocatori che entrano ed entrano bene sono determinanti”.

E sull’Ascoli: “Giocheranno come sempre hanno fatto ultimamente.  L’aspetto più importante è stare dentro la partita nella lettura, sono pericolosi a livello offensivo e hanno individualità a livello balistico. Dobbiamo fare una partita attenta, di ritmo, di voglia e sapere quando quando possiamo mettere in difficoltà questo avversario e lo possiamo fare”.

Tra i giocatori più cresciuti in questa stagione c’è Rigobrto Rivas. “Il primo obiettivo – ha evidenziato Baroni  –  che ha l’allenatore è quello di centrare i giocatori nel suo ruolo, nelle attitudini e nelle qualità che loro hanno. Metterli nelle condizioni individualmente di fare bene e poi prestare la propria individualità al collettivo. Sono due cose che si legano, ma è chiaro che devi partire dal calciatore e dalla sua disponibilità. Lui è cresciuto perchè ci crede. Abbiamo tolto delle cose che non servivano, ha una gamba importante e adesso attacca la porta con convinzione. Nella semplicità è cresciuto molto e adesso è in fiducia”.