Home / Sport Strillit / REGGINA / Reggina, Micovschi: “Denis è il nostro simbolo, sogno di giocare con la curva piena”

Reggina, Micovschi: “Denis è il nostro simbolo, sogno di giocare con la curva piena”

“Abbiamo lavorato tanto, giocando partita per partita. Continuiamo a pensare ad una gara alla volta”. Così Claudiu Micovschi, ai microfoni di Passione Amaranto a Reggina Tv ha spiegato la netta risalita della china della squadra amaranto.  Adesso l’esterno rumeno è fermo ai box per un problema muscolare.

Baroni lo aspetta. “Lui  – ha detto in riferimento al tecnico – è stato bravissimo singolarmente con ognuno di noi. A capire quello che non andava, poi tutti insieme abbiamo aggiustato il tiro.  Per me non importa il ruolo dove gioco, l’importante è farsi trovare pronti quando il mister ci chiama”.

“Qui – ha rivelato l’esterno di proprietà sono stato colpito dal calore dei tifosi. Qui si sente tantissimo il calcio. Si vede anche che la gente soffre perché non può entrare allo stadio. Il mio sogno è giocare con la curva piena.  L’anno prossimo? Anche se sono in prestito non penso a ciò che sarà, anche se mi piacerebbe restare. Ci sarà tempo per pensare a quello che sarà”.

“Secondo l’uomo simbolo della Reggina è German Denis. Quando entra in campo, non importa se per 5, 15 o 20 minuti, lui riesce sempre a cambiare la partita. Al primo posto c’è sicuramente il gruppo in quello che è stato fatto fino ad oro”.

E sulle differenze tra la C e la B: “Non c’è tanta differenza. Me ne aspettavo di più. Anche qui si corre, perchè se non corri non puoi fare qui. C’è differenza di qualità perché c’è più spazio”.