Home / Sport Strillit / REGGINA / Reggina, credito di imposta per le società di B? La proposta amaranto sul tavolo di Draghi

Reggina, credito di imposta per le società di B? La proposta amaranto sul tavolo di Draghi

Ai microfoni di Passione Amaranto su Reggina Tv è intervenuto Fabio De Lillo, dirigente incaricato per i rapporti con le istituzioni.

Nei giorni scorsi ha partecipato alla votazione relativa allo stop del campionato di Serie B in relazione al caso Pescara-Covid su cui è pronunciata la Lega con i suoi organismi collegiali.

“La Reggina – ha rivelato –  si è astenuta. Io ovviamente ho questo onore di rappresentarla in Assemblea di Lega da quando è in Serie B. Naturalmente il mio è stato un parere condiviso con il presidente, il direttore ed il mister Baroni con cui ero in collegamento. Al di là di tutti noi ritenevamo opportuno e scontato che si dovesse giocare almeno la giornata di martedì, in quanto l’organizzazione era partita. La trasferta si organizza dieci giorni prima”.

Il rischio era che ci fosse anche un’importante perdita per una trasferta costosa dal punto di vista logistico come quella di Cremona. Cifra, per fortuna, recuperata.

“I costi – ha detto De Lillo –  sono intorno ai 25.000, devo dire grazie  soprattutto a chi lavora dietro le quinte come il team Manager Massimo Bandiera ed il segretario Salvatore Conti e  a tutti quelli che lavorano per far andare la squadra al meglio.  Siamo riusciti a recuperare quasi tutte le somme che avevamo investito”.

La Reggina era contro lo stop.  “Ero  – ha rivelato De Lillo – contrario, perché molte squadre hanno risparmiato dei giocatori, hanno giocato sabato sapendo che si sarebbe giocato anche martedì. Ritenevamo che, con tutto il rispetto per il Pescara colpito da questo problema, con una squadra sola non poteva bloccare tutto. Per noi era opportuno che si giocassero quante più partite possibili per arrivare all’ultima giornata, perchè puoi avvenire che altri casi Pescara possano verificarsi in altre squadre. È stato deciso, soprattutto spinti dalla Federcalcio, a spostare tutto dal primo maggio in poi con un mini-torneo di 4 giornate”.

E ora De Lillo diventa portavoce della società amaranto anche fino al governo Draghi: “Ho il grande onore, per il quale devo ringraziare la Reggina, di essere presidente della commissione Affari istituzionali dell’Assemblea della Lega di B.   Assieme al presidente Balata sono andato al Mef (Ministero Economia e Finanza)  dal sottosegretario Durigon a presentare un emendamento alla proposta di legge per far sì che nell’iscrizione del prossimo anno, e questo sarà presente nel Decreto Ristori di maggio, la Serie B avrà un piccolo beneficio:  i mancati introiti legati alla questione biglietti, i mancati incassi da sponsor attraverso un calcolo potrebbero credito di imposta per il prossimo anno. Abbiamo atto questa proposta con il presidente Balata, c’è stato detto dal sottosegretario Durigon  che sarà presentato in Consiglio dei Ministri e speriamo che questo venga accolto”.