Home / Sport Strillit / REGGINA / Reggina, “mani avanti” di Baroni? Forse solo coerenza

Reggina, “mani avanti” di Baroni? Forse solo coerenza

Tutti i numeri di questa stagione della Reggina sono dalla parte di Marco Baroni.   Tranne un paio: quelli che al momento rendono gli amaranto più vicini alla griglia play off che non a quella play out.    Quelli che rendono plausibile l’idea che gli amaranto possano proiettarsi, quantomeno con lo sguardo, a qualcosa di più.

Il tecnico, però, non sembra gradire l’idea che si possa parlare della possibilità di raggiungere gli spareggi promozione.   Lo si è capito nel momento in cui ha voluto ricordare quali fossero fino a qualche mese fa le condizioni di una Reggina in difficoltà.

A voler pensare male si può anche immaginare che il tecnico non voglia che alla fine di questa stagione qualcuno la faccia passare come quella dei play off mancati (che restano possibili, anche se difficili) dimenticando le condizioni quasi disperate in cui l’allenatore ha rilevato la squadra.

La squadra, sensibilmente rafforzata dal mercato di gennaio, ha invece invertito la rotta e adesso può sognare.  Ma è più facile che nelle parole di Baroni ci sia quel pragmatismo che lo ha sempre contraddistinto da quando è arrivato a Reggio.

Da una parte c’è, infatti, la consapevolezza che qualche punto manchi ancora per la matematica salvezza.    Dall’altra la necessità di mantenere la direzione che è stata alla base della risalita amaranto: pensare una partita alla volta e magari continua a fare risultati.

Una sorta di coerenza da trasmettere alla squadra che, al momento, sembra viaggiare sulle stesse frequenze del tecnico.