Home / Sport Strillit / REGGINA / Reggina, la “punta” serve

Reggina, la “punta” serve

A Cittadella la Reggina ha riproposto uno schieramento che prevedesse una punta “vera” al centro dell’attacco, cioè Adriano Montalto.   Non che Okwonwko non lo sia, ma si vuole intendere un calciatore che abbia qualità fisiche per attaccare l’area e anche per agire da pivot.

Più volte la squadra amaranto contro quella granata si è appoggiata sull’attaccante che ha fatto a sportellate con i difensori avversari, appoggiando palloni interessanti nell’economia della manovra.

Tuttavia, nel complesso si ha la sensazione che la squadra pare trarre beneficio dalla presenza di un attaccante fisico.    A voler essere pignoli non sono stati molti i palloni giocabili per concludere a rete, ma è risultato chiaro come la presenza nell’area abbia spesso aperto spazi per le percussioni di altri giocatori.  Non è successo certo molto volte, ma si rischia di dimenticare quanto consistente fosse l’avversario e soprattutto quanto la Reggina abbia fatto meglio.