Home / Sport Strillit / REGGINA / Reggina-Monza, rischio “deja vu”
Spal-Reggina, Serie B 2020-2021
Spal-Reggina, Serie B 2020-2021

Reggina-Monza, rischio “deja vu”

Marco Baroni è un allenatore che studia nei dettagli ogni partita.  Figurarsi se non ha fatto lo stesso per la partita contro il Monza.

Servirà una squadra corta, che non si disunisca, che giochi concentrata e che sia conscia della sua capacità di andare oltre i propri limiti.

Uno è, ad esempio, la capacità di difendere sulla fascia sinistra di difesa. Tanti allenatori nelle ultime giornate hanno preso di punta quel settore per provare a prendere in uno contro uno Liotti o Di Chiara.

Una tendenza che, a volte, è dettata anche dal fatto è che, per una questione di mera disponibilità di giocatori, è più facile che gli avversari abbiano giocatori forti a destra che non a sinistra.

Contro l’Empoli la Reggina si è allungata.  Dionisi, molto furbamente, aveva scelto di fare densità attaccando la corsia mancina amaranto e spesso i toscani si trovavano con tre giocatori in quella zona di campo: la seconda punta Mancuso, il trequartista Bajrami e il terzino Fiamozzi.

Il Monza ha possibilità di andare a cercare una soluzione di gioco analoga.  Da quel lato agiscono un terzino di spinta come Donati e almeno nelle ultime partite Kevin Prince Boateng.  Uno che è in grado di vincere il duello con il proprio marcatore in tanti modi: con l’uno contro uno, con la forza fisica e anche con l’elevazione.

Se non dovesse toccare a KPB le soluzioni sono tutte di spessore. Nelle ultime gare Brocchi ha addirittura schierato l’ex Pordenone Diaw in quella posizione o Mota.  Tutti uomini con spiccate doti offensive.

L’assenza di Carlos Augusto, tra l’altro, toglie una freccia importante a sinistra ai brianzoli.

Diventerà interessante capire che tipo di esterno schiererà Baroni davanti al terzino.  Se ad esempio si prenderà il rischio di riproporre Menez per tenere Donati basso o se, invece, preferirà qualcuno di passo come il rientrate Edera.

Il dato certo è che per evitare che ciò accada la squadra dovrà stare corta e non concedere ripartenze come quelle che sono valse i gol dell’Empoli.