Home / Sport Strillit / REGGINA / Reggina-Empoli, due indisponibili in casa amaranto
Spal-Reggina, Serie B 2020-2021
Spal-Reggina, Serie B 2020-2021

Reggina-Empoli, due indisponibili in casa amaranto

Reggina-Empoli sarà il turno infrasettimanale particolarmente delicato che attende gli amaranto. Marco Baroni, in conferenza stampa, ha inteso sottolineare quanto affrontare la capolista debba essere un impegno gravoso. Gli azzurri di Dionisi hanno perso solo una partita, non conoscono il sapore della sconfitta da diciannove partite e hanno tutta l’intenzione di tornare alla vittoria.

Reggina-Empoli, infermeria amaranto meno piena del solito

Gli amaranto sono in un momento positivo, ma devono anche fare i conti con la forza dell’avversario. La buona notizia pare arrivare dall’infermeria.  In particolare, alla vigilia del turno infrasettimanale, appare vuota forse come mai si era vista in questa incredibile stagione costellata da problemi fisici per i calciatori amaranto.

Non vuota totalmente, ma quasi.  Sì, perché saranno comunque due gli elementi che non potranno fare parte dei convocati di Empoli-Reggina.  Uno è Faty, l’altro è Kingsley.

Reggina, due recuperi

Situm, nel fine settimana, era rimasto a Reggio nonostante si fosse ristabilito fisicamente. La motivazione stava nel fatto che il croato potesse restare a lavorare al Sant’Agata per tornare nella piena disponibilità per la gara contro l’Empoli.

Di Chiara, invece, ha svolto sia l’allenamento della domenica che quello del lunedì.  Farà, dunque parte dei convocati.  Tutte le eventuali defezioni che non siano Faty o Kingsley saranno scelte tecniche.

Le scelte di Baroni nella gestione

Marco Baroni, in conferenza stampa, ha rivelato di essere impegnato in riflessioni riguardo alla formazione da schierare. Ragionamenti che, al momento, non paiono riguardare la gestione delle energie.  Il tecnico ha precisato come la sua esperienza lo porti ad immaginare che è la terza partita in una settimana quella in cui si paga davvero dazio all’eventuale sforzo per gli impegni ravvicinati.   L’allenatore ha, inoltre, voluto precisare che poter riposare un giorno in meno rispetto agli avversari non debba essere considerato uno svantaggio per non dare alibi alla squadra.