Home / Sport Strillit / REGGINA / Spal-Reggina, ancora guai dall’infermeria amaranto, il punto
Marco Baroni, allenatore Reggina
Marco Baroni, allenatore Reggina

Spal-Reggina, ancora guai dall’infermeria amaranto, il punto

Spal-Reggina si immaginava che per gli amaranto potesse essere una sorta di spartiacque in relazione alla questione infortunati.  Il riferimento va al fatto che, dopo una sequenza incredibile di infortuni, gli amaranto potessero iniziare ad avvalersi di una amplissima scelta in alcuni settori del campo. Invece ci sono ancora problemi inattesi.  A fare il punto della situazione in vista di Spal-Reggina di sabato (si gioca alle ore 14) è stato lo stesso Marco Baroni nella sua consueta conferenza prepartita in cui ha avuto modo di toccare anche altri punti.

 

Reggina, in vista di Ferrara recueri e possibili forfait

“Situm  – ha precisato Marco Baroni – è completamente recuperato, ma la mia scelta tecnica è stata di non convocarlo. Voglio che usufruisca di questi due giorni per lavorare ed essere pronto per le prossime partite. Era rientrato in squadra giovedì ed ho ritenuto di dargli ancora qualche giorno per fare un lavoro specifico ed importante dal punto di vista atletico.

“Faty – ha proseguito il tecnico  in vista di Spal-Reggina –  non sta ancora benissimo ed oggi  (venerdì)abbiamo avuto un piccolo problema con Di Chiara che non stava bene. Adesso l’ho mandato a casa, valutiamo un attimo se portarlo o no”.

Spal-Reggina, quali amaranto non ci saranno

In attesa di capire se l’esterno sinistro sarà a disposizione di Marco Baroni per Spal-Reggina, c’è un altro forfait. “Kingsley – ha evidenziato il tecnico –  ha avuto un risentimento muscolare in settimana e l’abbiamo fermato.  Gasparetto è una scelta tecnica, mentre Rossi non sta ancora bene”.

Il trequartista, arrivato dal Bologna, aveva fatto il suo esordio nella partita contro il Cosenza giocando qualche minuto nella corsia di destra. L’unico dato consolante è che, al momento, gli amaranto hanno una buona possibilità di scelta in quel reparto.

La buona notizia è che, almeno in attacco, tornerà la possibilità di scelta grazie al rientro di quello che è ormai diventato il centravanti titolare. “Montalto – ha evidenziato il tecnico – è della partita”.