Home / Sport Strillit / REGGINA / Reggina, Menez: escluso in una settimana significativa, il suo rientro potrebbe generare cambiamenti

Reggina, Menez: escluso in una settimana significativa, il suo rientro potrebbe generare cambiamenti

Marco Baroni crede molto in Jeremy Menez.  Lo ha definito un “talento naturale”. Questo, però, non significa che debba essere trattato diversamente dagli altri.  Il francese fa parte dei giocatori che possono entrare nelle rotazioni della formazione della Reggina.

Per giocare è necessario  che il suo utilizzo rappresenti la scelta migliore sotto due punti di vista: il cumulo qualità-condizione fisica più la funzionalità nell’economia della partita.

È chiaro, però, che partendo dal suo livello qualitativo è come se Menez partisse cinque passi più avanti degli altri. Ciò non toglie che, come accaduto contro il Frosinone, il dinamismo degli avversari può suggerire che quella non può e non deve essere la sua partita.

Non a caso Baroni lo ha tenuto in panchina per tutta la partita.  Un’esclusione significativa, tenuto conto che Luca Gallo pochi giorni prima aveva detto che “nove maglie su dieci” tra quelle vendute sono del francese.

Una scelta che, paradossalmente, rispetta anche il diretto interessato.  Gli fa capire che non è una figurina e se oggi è a Reggio è perché, nelle circostanze opportune, può dare molto.

La Reggina adesso sogna una reazione alla Bellomo nel momento in cui Menez ritroverà nuovamente il campo.

C’è curiosità nel capire dove, eventualmente, il suo rientro potrebbe essere programmato. Sì, perché Baroni ha detto di essere rimasto soddisfatto dall’utilizzo degli esterni con il piede non più invertito.

In particolare, nel secondo tempo contro il Pordenone, si è visto Edera a sinistra (come nella prima frazione) e Bellomo a destra, subentrato a Micovschi.

Menez fino al momento è stato schierato sempre trequartista a sinistra o attaccante.  Considerato che sabato alle 14 contro le Spal è fissato anche il rientro di Montalto, cresce la curiosità nel capire se Menez giocherà ed eventualmente dove.

Anche perché, giova ricordarlo, per ovvi motivi lui parte cinque passi in avanti.  Il dato di fatto è che ciò non toglie che i suoi compagni abbiano possibilità per le eventuali circostanze descritte la possibilità di rovesciare le gerarchie.