Home / Sport Strillit / REGGINA / Reggina, la Spal toglie un problema a Baroni

Reggina, la Spal toglie un problema a Baroni

Il rischio, in fondo, c’è.  Che una squadra faccia sei risultati utili e di colpo si senta troppo brava è una storia che, potenzialmente, si è già vista più volte nel calcio.

La Reggina lavora ovviamente perché ciò non accada. Anche in questo momento particolarmente positivo si coglie una certa maturità nelle dichiarazioni dei protagonisti.  Dal “dobbiamo continuare così” di Michael Folorunsho al ricorrente “non abbiamo ancora fatto niente” di Marco Baroni, il tenore delle dichiarazioni è quello opportuno.

Tuttavia, dalle parole occorre passare ai fatti. E senza gli stimoli giusti è facile non mantenere i propositi.

Il rischio di sottovalutare la Spal non pare esserci. Anche se è in un momento negativo e non vince dai sei partite.

Basta scorrere i nomi degli avversari per capire perché la Reggina dovrà essere la migliore possibile per coltivare il proposito di allungare la serie positiva.

Sabato gli amaranto alle 14 non ritroveranno Castro, ceduto nel mercato di gennaio. Ma la fornitura della squadra di Pasquale Marino è di tutto rispetto. Elementi come Paloschi, Di Francesco, ma anche Valoti e Berisha sono in grado di spostare gli equilibri.

La rosa è la terza per valore dei cartellini di tutto il campionato (36 milioni, dietro Monza ed Empoli). Un problema in meno per Baroni che dovrà sforzarsi poco per tenere i suoi sul pezzo in vista del prossimo impegno.
Il campionato di Serie B insegna, però, che con i nomi non si vincono le partite e la Reggina ha risorse per far valere le sue qualità.