Home / Sport Strillit / REGGINA / Reggina, Baroni: ‘Restare? Mi piacerebbe vedere lo stadio pieno… Ho parlato con Menez’
Marco Baroni sulla panchina della Reggina, stagione 2020-2021
Marco Baroni sulla panchina della Reggina, stagione 2020-2021

Reggina, Baroni: ‘Restare? Mi piacerebbe vedere lo stadio pieno… Ho parlato con Menez’

Marco Baroni, allenatore della Reggina, è intervenuto ai microfoni del canale ufficiale del  club. Nel corso di Tutti Figili di Gallo ha avuto modo di parlare di tanti argomenti.

 Marco Baroni parla del suo futuro

Marco Baroni pare aver fatto braccia nei tifosi della Reggina. Già chiedono la sua conferma, il tecnico si manifesta più che possibilista rispetto alla sua volontà di restare a Reggio. ”

È presto perché  – ha precisato – siamo dentro un campionato complicato, difficile. È ancora lunga. La mia scelta è stata fatta un po’ di tempo fa. Sono venuto qui con grandi motivazioni, sapendo che sono in una piazza affascinante ed importante. Mi piacerebbe vedere lo stadio pieno. L’ho visto da avversario e vorrei vederlo da questa panchina. Dobbiamo, però, rimanere concentrati in questo finale di campionato, che è molto difficile. Si sono attrezzati tutti, tutti stanno facendo punti. Solo dopo potremo pensare al resto”.

E, ad oggi, per vedere il pubblico al Granillo sembra abbastanza chiaro che bisognerà almeno aspettare la prossima stagione per le note vicende legate alla pandemia. Bellomo ripescato e decisivo

Il tecnico della Reggina contro il Pordenone ha ripescato Bellomo e messo in soffitta per il momento la scelta dgli esterni a piede invertito . “Io – ha detto il tecnico – parlo con i giocatori. Cerco di capire, valuto. Valuto quello che è il loro passato, ciò che si portano dietro e poi vedo la funzionalità che serve alla squadra.  Non sono situazioni casuali.  Su transizioni come quella contro il Pordenone ci stiamo lavorando. Con il tempo si migliora”

Reggina tutti pazzi per Folorunsho

C’è un calciatore che, al momento, viene considerato simbolo della gestione Baroni. “Folorunsho – ha detto il tecnico –  ha espresso parole che mi ha fatto piacere. Gli do fiducia perché vedo potenzialità. Ho visto un ragazzo che aveva bisogno d’ordine mentale. È stato bravo, perché sta mettendo molto del suo. Crede in quello che io propongo e i risultati si vedono sul campo”.

Baroni su Rivas e Menez

Baroni, però, difende a spada tratta anche chi al momento non ha un rendimento appariscente. “Rigo – ha precisato –  è un giocatore che ha delle qualità importanti.  A me piacciono i giocatori dinamici come lui che attaccano la profondità e che deve migliorare nella funzionalità. Spesso depaupera tutto in corse che non servono.  Al momento gioca prestato al ruolo di centravanti, però lo può fare. Può essere utile per creare difficoltà alla squadra avversaria, perché lui le crea anche solo con il movimento. Anche se chi guarda la partita non se ne accorge, ma vi assicuro che è efficace.  I centrali avversari spesso hanno paura della profondità. So che quello di prima punta non è il suo ruolo e so che da qui alla fine potrà dare un contributo importante”.

Questa è stata anche la settimana dell’esclusione di Menez. “Jeremy – ha detto il tecnico – è un talento naturale. Ho parlato con lui.  Con lui non mi accontento, sarei un disonesto se lo facesse. Posso aspettare da altri ragazzi che crescano. lui è un giocatore importante. Può dare un contributo significativo e sono sicuro che lo darà”.

Reggina, Baroni promuove Gallo

Marco Baroni è stato poi citato da Luca Gallo in un’intervista rilasciata alla Gazzetta del Sud. Il presidente ha lasciato intendere che ove restassero questi i risultati sarebbe difficile rinunciare al tecnico.  Anche l’allenatore sembra apprezzare il suo patron. “Bisogna – ha evidenziato Baroni –  rendere merito a chi fa dei sacrifici per portare avanti come questo che c’è qui a Reggio. Solo per questo gli rinnoverei contratto e stima. Io sono arrivato e lui è un presidente che ti fa lavorare. Gli ho detto di fidarsi e lui rispetta il lavoro. Da questo punto di vista siamo assolutamente in stima”.