Home / Sport Strillit / REGGINA / Reggina, Cionek: ‘Pensiamo una gara per volta, la classifica dice che siamo vicini alla zona bassa’

Reggina, Cionek: ‘Pensiamo una gara per volta, la classifica dice che siamo vicini alla zona bassa’

È una Reggina in grande spolvero quella delle ultime settimane. A parlarne ai microfoni di Passione Amaranto su Reggina Tv è stato Thiago Cionek.

Vietato, però, fare voli pindarici. “Se guardiamo – ha detto il difensore – gli ultimi risultati veramente possiamo guardare in alto. Però la classifica dice che siamo più vicini alla zona bassa. La strada giusta è pensare gara dopo gara.  Se riusciremo ad arrivare più in alto, lotteremo”.

Una vittoria sofferta quella amaranto. “Il Pordenone – ha detto il difensore – è una squadra che ha fatto tanti punti, che gioca insieme da tanti anni. Sapevamo delle difficoltà della gara e magari in altre occasioni una partita così l’avremmo persa. La partita di ieri mostra la forza della squadra, la maturità e la crescita”.

La Reggina pare aver registrato la difesa con la turnazione nei centrali difensivi  In mezzo si alternano Cionek, Loiacono e Stavropoulos. “Cerchiamo – ha detto il brasiliano naturalizzato polacco – di aiutarci tutti insieme in campo. Chi gioca gioca. Tutta la squadra riesce ad essere aggressiva e compatta e questo aiuta molto.  A parte Cosenza, abbiamo fatto tanti clean sheeet. Lavoriamo tanto durante la settimana e quello ci aiuta tanto”.

Cionek ha avuto qualche problema fisico in questa stagione. “Quest’anno – ha detto il difensore –  ho avuto qualche problemino: caviglia e muscolari. Le partite ravvicinate e il cambio di preparazione penalizzano un po’. Ora mi sento bene per proseguire”.

Ora una sfida da ex alla Spal: “Per me è una partita speciale. La Spal è stato un bel periodo della mia carriera. Abbiamo scritto una storia bellissima in quella città. Ci tengo tanto a fare bene”.

All’orizzonte un calendario contro avversari di alta classifica. “A  parte uno o due partite, non ricordo qualcuno che ci abbia messo sotto. Per un motivo o per l’altro non siamo riusciti a vincere. Il Pordenone era una squadra che era sopra di noi e speriamo di continuare questo percorso, anche in partite in cui non siamo favoriti. Non abbiamo paura e sappiamo che ce la possiamo giocare con chiunque”.