Home / Sport Strillit / REGGINA / Reggna, Baroni: ‘Vincere non è mai facile, ma questa squadra può fare di più’
Marco Baroni sulla panchina della Reggina, stagione 2020-2021
Marco Baroni sulla panchina della Reggina, stagione 2020-2021

Reggna, Baroni: ‘Vincere non è mai facile, ma questa squadra può fare di più’

“La classifica non dobbiamo guardarla. Si guarda più avanti. C’è da guardare gara dopo gara. C’è da lavorare”.  Marco Baroni non si culla sulle due vittorie consecutive della sua Reggina e invita a non disperdere la concentrazione.  Ne ha parlato ai microfoni di Tutti Figli di Gallo, trasmissione della tv ufficiale del club.

Quella con l’Entella è stata una partita giocata senza la solita qualità di gioco. I punti, però, che sono arrivati risultano particolarmente pesanti.

“Questo – ha precisato l’allenatore – è un campionato dove vincere le partite non è facile. Ogni settimana ci sono sorprese. Ci aspettava una partita complicata, dove non sarebbe stato facile immaginare potesse venire fuori un bello spettacolo. L’abbiamo interpretato nel modo giusto, concedendo molto poco. Dobbiamo continuare su questa strada, ma dobbiamo migliorare. Questa ha squadra ha possibilità di miglioramento, perché  non ha ancora dato tutto”.

Un miglioramento della Reggina, secondo Baroni, passa per una migliore integrazione dei nuovi acquisti di gennaio e soprattutto per una loro crescita, anche fisica. “È difficile – ha precisato –  che vai a prendere giocatori che avevano continuità di campo e di partite. Altrimenti non sarebbero stati in uscita.  È un gruppo eterogeneo, dobbiamo portare tutti allo stesso livello. Non avendo soste o spazi temporali per farlo, dobbiamo usufruire della partita.  Non dobbiamo mettere pressione addosso ai nuovi arrivati, ma devono darsi una svegliata perchè ne abbiamo bisogno”.

Baroni sta beneficiando dei gol di Montalto “Quando si fanno 20 gol in un anno in B non vengono dal cielo. Ha un po’ depauperato quello che lui si era costruito e se è successo, qualche problema c’è.  La prima cosa è trovarlo. Io cerco di tenerlo dentro a quello che sa fare molto bene.  Deve stare dentro la partita, perché lui tende ad uscire”.

All’orizzonte il derby con il Cosenza: “Sarà una  bella partita. Sono due squadre che stanno bene. Si affronteranno sicuramente a viso aperto e se la porterà a casa chi sbaglierà meno”.