Home / Sport Strillit / REGGINA / Reggina, Bianchi c’è e lo fa capire. La sfida per una maglia in mezzo si fa interessante

Reggina, Bianchi c’è e lo fa capire. La sfida per una maglia in mezzo si fa interessante

Nicolò Bianchi è uno di quei calciatori che spesso viene sottovalutato.  Quando c’è da emettere giudizi, quando c’è da fare quelle odiose “formazioni tipo”.  Molto è merito del fatto che, come lui stesso ama ripetere,  sa fare tutto benino e nulla benissimo.  A fronte di altri calciatori che eccellono in qualche e valgono “zero” in altre cose.

Il particolare non sfugge agli allenatori. Basti pensare che, benché venisse considerato un fedelissimo di Toscano, Marco Baroni lo tiene ben presente.

Complice l’arrivo di Crimi si poteva ipotizzare che, in qualche modo, il suo nome finisse in secondo piano.  Invece a Pescara proprio l’ingresso di Bianchi, unitamente a quello di Denis, è stato la mossa decisiva.  L’assist del centrocampista è stato un ulteriore timbro rispetto al fatto che la Reggina può ancora continuare a contare su un mediano che può offrire il suo contributo.

Il dato di fatto è che, da ora in avanti, Baroni rischia di avere un’abbondanza significativa.  Oltre a Bianchi e Crimi c’è quello che sembra l’inamovibile Crisetig, ma attenzione perché anche Faty viaggia verso la migliore condizione.E

E non è finita, perché il recupero di Rivas e l’innesto di Kinglesy potrebbero spingere, all’occorrenza, verso la batteria dei centrocampisti anche Folorunsho.